Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 05:28

Puglia, il parlamento regionale è degli studenti

L'assemblea dei ragazzi, 26 in tutto e provenienti eletti nelle scuole delle cinque province, produrrà proposte di legge che sottoporrà alla commissione consiliare pugliese per l'approvazione definitiva. L'esperimento della Regione durerà 6 mesi
BARI - Nelle scuole superiori delle cinque province pugliesi oggi si vota, per eleggere i 26 ragazzi che faranno parte del parlamento regionale. Il progetto della Regione prevede che, per sei mesi, i giovani formino un'assemblea con poteri legislativi che si riunirà periodicamente per produrre proposte di legge da sottoporre alla commissione consiliare. Se è il caso, verranno approvate definitivamente.
Un comitato scientifico (composto da docenti, rappresentati del Consiglio e della direzione scolastica regionale) coordinerà il lavoro dei ragazzi, soprattutto nell'elaborazione della bozza dello statuto e del regolamento interno.
Ma da soli i giovani dovranno concepire e presentare le loro proposte di legge, che dovranno espressamente riguardare tematiche sociali e culturali della nostra regione.
Le loro sedute (e i frutti del loro operato) potranno essere seguite da tutti: verranno pubblicate sul sito www.parlamentostudentipuglia.it.
«Si tratta di un progetto importante e impegnativo - dice Mario De Cristofaro, presidente del consiglio regionale - che mira a coinvolgere le giovani generazioni nei meccanismi del confronto democratico e a rendere le istituzioni più familiari. Quest'iniziativa per la prima volta modifica i percorsi didattici: non è la scuola ad ospitare le istituzioni, ma sono queste ultime ad aprire loro le porte».
Stefania Lisena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione