Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 23:56

L'«Onlus» fittizia rivendeva vestiti al mercato

Diffusa in tutta la Puglia la rete di «raccolta per beneficenza» di un commerciante andriese. Che intascava il danaro e metteva in vendita nei mercatini rionali gli indumenti ricevuti
ANDRIA (BARI) - Aveva affisso manifesti firmati da una fittizia 'Onlus' con cui invitava i cittadini a donare indumenti usati oppure piccole offerte in danaro: ma era tutta una truffa, intascava il danaro e metteva in vendita nei mercatini rionali gli indumenti ricevuti. Secondo gli investigatori raccoglieva dai 5 ai 10 quintali di abiti usati al giorno.
E' accaduto a Andria dove la truffa è stata scoperta da militari della Guardia di finanza che hanno per questo illecito commercio denunciato un uomo di 50 anni. Questi aveva organizzato una vera e propria campagna di informazione con manifesti su cui era scritto "'anche con il tuo aiuto una piccola goccia può dissetare tanti bambini in difficoltà in tutto il mondo", "cari amici ciò che a voi non serve a noi è utilè o "non rimanere indifferente", che aveva diffuso capillarmente in quartieri di Bari, Brindisi, Foggia e Taranto. Con questo sistema - è stato reso noto - il «commerciante» andriese aveva truffato centinaia di persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione