Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 16:51

Puglia, al via Parlamento degli studenti

L'esperimento del consiglio regionale durerà 6 mesi e produrrà proposte di legge da sottoporre alla competente commissione consiliare per l'approvazione definitiva
BARI - «Anche gli studenti pugliesi hanno il loro parlamento regionale, un'assemblea non solo virtuale ma anche reale, con poteri legislativi sostanzialmente simili a quelli attribuiti al consiglio "maggiore"». Lo annuncia in una nota l'ufficio stampa del consiglio regionale spiegando che «non si tratta di una simulazione, ma di un esperimento che durerà sei mesi e produrrà proposte di legge da sottoporre alla competente commissione consiliare per l'approvazione definitiva».
«La Puglia, dunque - viene spiegato - potrebbe presto avere leggi regionali che raccolgono le istanze dei ragazzi e sono frutto della loro iniziativa e capacità di mediazione. Il reality-game, al quale sono ammessi 26 ragazzi eletti nell'ambito delle scuole superiori delle cinque province pugliesi, è un'iniziativa di vita democratica che prevede la convocazione di assemblee periodiche presso la sede del consiglio regionale». Il primo incontro sarà dedicato «all'insediamento del "parlamento"; nelle successive i giovani "parlamentari" presenteranno le loro proposte di legge e si occuperanno di tematiche sociali e culturali». Sarà compito del comitato scientifico, composto da docenti e rappresentati del consiglio e della direzione scolastica regionale, «coordinare i lavori e aiutare i ragazzi nell'elaborazione della bozza dello statuto e del regolamento interno». I risultati delle votazioni del 28 gennaio saranno resi noti tra pochi giorni.
Il progetto "Il consiglio regionale si fa conoscere", promosso dall'ufficio di presidenza, è «importante e impegnativo - sottolinea il presidente del consiglio regionale, Mario De Cristofaro (An) - e mira a coinvolgere le giovani generazioni nei meccanismi del confronto democratico e a rendere le istituzioni più familiari». «Dalla teoria - insiste - si passa alla pratica: non solo percorsi didattici sulle istituzioni e sul loro funzionamento, ma attiva partecipazione. Siamo tra le prime Regioni a coinvolgere gli studenti in questa esperienza diretta che li vedrà impegnati a formulare proposte, a cimentarsi nella pratica democratica dei percorsi legislativi. Questo anche grazie al contributo offerto dalla direzione scolastica regionale». L'iniziativa ha anche un sito web: www.parlamentostudentipuglia.it.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione