Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 08:21

Sassi dal cavalcavia contro un treno nel Foggiano

Il convoglio costretto a fermarsi. Arrestati a Trinitapoli due ragazzi di 17 anni con l'accusa di attentato alla sicurezza dei trasporti. I due sono stati affidati ai genitori
FOGGIA - Stavano lanciando sassi da un cavalcavia contro un treno in corsa che è stato costretto a fermarsi.
E' accaduto a Trinitapoli dove i carabinieri hanno arrestato due ragazzi di 17 anni con l'accusa di attentato alla sicurezza dei trasporti. I due sono stati affidati ai genitori.
Ieri pomeriggio una telefonata anonima è giunta al centralino della caserma del centro ofantino che denunciava la presenza di alcuni giovani che da un cavalcavia stavano lanciando alcuni sassi contro i treni.
Quando sono giunti sul posto i militari hanno trovato i due 17enni, sul cavalcavia nei pressi del cimitero, con alcuni sassi ancora in mano. Dopo una breve fuga i due ragazzi sono stati bloccati e arrestati.
Sul ponte gli investigatori hanno trovato una busta di cellophane con diversi sassi che, secondo la ricostruzione dei militari, erano stati prelevati dai binari della stazione ferroviaria poco distante.
Sotto il viadotto un treno, il pendolino proveniente da Bari, proprio a causa del lancio dei sassi era stato costretto a fermarsi. Poco piu avanti sugli stessi binari un altro convoglio, un treno regionale, era stato costretto a fermarsi.
I due ragazzi ai militari hanno detto che non volevano fare del male ad alcuno e che si trattava solo di un gioco.
Il pendolino è stato fermato unÂ'altra volta nella stazione di Foggia per verificare eventuali danni ed è ripartito con un ritardo di una trentina di minuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione