Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 17:28

Vendola affronterà Fitto alle Regionali in Puglia

Il deputato di Rifondazione Comunista ha vinto con il 51% le primarie del centrosinistra per la candidatura alle prossime elezioni Regionali. Hanno votato 79.296 persone
Niki Vendola BARI - Il deputato di Rifondazione Comunista, Niki Vendola ha vinto con il 51% le primarie del centrosinistra per la candidatura alle Regionali.
Questi i dati definitivi di 112 sezioni: hanno votato 79.296 persone; a Niki Vendola sono andati 40.358 preferenze mentre Francesco Boccia ha ottenuto 38.676 voti. L'affermazione principale Niki Vendola l'ha avuta a Bari e in provincia dove ha ottenuto 17.153 voti, oltre 3.400 in più di Boccia.

A sorpresa, ma fino ad un certo punto, Nichi Vendola, parlamentare di Rifondazione Comunista, 46 anni, sbanca le primarie del centrosinistra in Puglia superando di quasi duemila voti Francesco Boccia, 36 anni, assessore comunale all'Economia a Bari, docente a Castellanza e già consigliere economico dell'ex ministro Enrico Letta della Margherita.
Sulla carta, la maggior parte delle forze politiche ha sostenuto Boccia, il risultato avrebbe dovuto essere scontato. Solo Rifondazione e Verdi hanno, infatti, sostenuto Vendola, ovvero circa un 15% dell'elettorato. Invece il parlamentare di Rifondazione ha ottenuto 40.358 voti a fronte dei 38.676 di Boccia. Inoltre la vittoria è stata ottenuta nel barese, entrambi candidati sono della provincia, Vendola ha avuto ben 3.400 voti più del suo concorrente. Da più tempo in politica, Vendola ha potuto contare su una popolarità consolidata nel tempo e a Boccia, affacciatosi in politica in Puglia solo negli ultimi tempi, non è bastato l'appoggio degli establishment di partito e dei principali amministratori locali del centrosinistra, a cominciare dal sindaco di Bari Michele Emiliano che lo aveva lanciato.
E' peraltro da sottolineare l'elevata affluenza negli oltre un centinaio di seggi allestiti in tutta la Puglia, quasi in ottantamila si sono, infatti, recati alle urne mentre si prevedeva un'affluenza di 40-50mila elettori, considerando tale numero già alto. Ora, dopo un confronto che non è mai stato aspro, il neo candidato presidente del centrosinistra dovrà vedersela con il vero avversario, Raffaele Fitto, 35enne presidente regionale uscente, di Forza Italia. Questi, dopo i veti nazionali, dovrà probabilmente rinunciare alla «sua» lista per optare per una meno ingombrante lista «civica». Le previsioni dei politologi danno in vantaggio il presidente uscente ma, visto anche il risultato delle primarie, Vendola non dispera di ribaltare i pronostici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione