Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 22:49

Truffe con falsi documenti, 4 arresti a Lecce

Le indagini, condotte per circa sei mesi, hanno accertato che con documenti di identità falsi sarebbero riusciti ad aprire conti correnti bancari
LECCE - Utilizzando carte di identità false o intestate a persone decedute da molto tempo, erano riusciti a farsi rilasciare carte di credito, aprire conti correnti bancari con cui hanno truffato esercizi commerciali e rivendite di autovetture per un importo di svariate migliaia di euro.
Con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alle truffe e all'uso indebito di carte di credito, agenti della squadra mobile della questura di Lecce, in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare, hanno arrestato Domenico Cezza, di 37 anni, di Maglie (Lecce), Pantaleo Martano di 39, di Melendugno (Lecce), Salvatore Guglielmo, di 30, di Minervino di Lecce (Lecce) e Cesare Quarta, di 50, di Tuglie (Lecce).
Nel corso delle indagini, che si sono protratte per circa 6 mesi, a quanto si è saputo, sono state raccolte prove di colpevolezza a carico del sodalizio. I poliziotti hanno inoltre accertato che, l'associazione malavitosa per procurarsi la falsa documentazione era riuscita a intessere rapporti con altri criminali residenti in Sicilia. Gli agenti hanno eseguito una decina di perquisizioni con il sequestro di documenti e materiale che gli inquirenti ritengono di particolare rilevanza per le indagini.
Il provvedimento restrittivo è stato disposto dal gip del Tribunale di Lecce Ercole Aprile, su richiesta del pm Maria Consolata Moschettini. Ulteriori particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella questura di Lecce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione