Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 13:13

Puglia - Linee guida per l'immigrazione

Approvate dalla Giunta. Costituiscono uno degli atti di indirizzo e coordinamento ai Comuni per l'attuazione del Piano regionale delle politiche sociali
BARI - Le «linee guida in materia di interventi a favore delle persone immigrate in Puglia sono state approvate dalla giunta regionale». Ne dà notizia l'assessore regionale ai servizi sociali, Salvatore Mazzaracchio.
«Queste linee guida - rileva - costituiscono uno degli atti di indirizzo e coordinamento ai Comuni per l'attuazione del Piano regionale delle politiche sociali approvato dall'esecutivo il 4 agosto scorso, in una logica di organicità dell'intero sistema di organizzazione». Secondo dati della Caritas risalenti al 2002, elaborati sulla base di quelli forniti dal ministero dell'interno - prosegue il comunicato - le etnie presenti in Puglia registrano «una rilevante concentrazione della popolazione albanese (36%), seguita dalla popolazione proveniente dal Marocco (9,2%), Tunisia (3,5%), kurdi turchi (2,48), mauritani (2,5), senegalesi (2,3), cinesi (1,9), jugoslavi (1,9), Sri Lanka (1,8), kurdi iracheni (1,7) ed altri».
La programmazione delle politiche in favore degli immigrati, prevista dalle linee guida - continua Mazzaracchio - «è articolata su tre linee direttrici: "prevenzione, accoglienza e promozione", "assistenza sociale, sanitaria e legale" e "educazione e formazione"». Il principio, insiste, «è quello di prevedere all'interno del Piani sociali di zona che devono essere definiti dai Comuni, interventi specifici finalizzati a sviluppare e consolidare, anche sul piano culturale, l'integrazione degli immigrati e il riconoscimento dei loro diritti di cittadinanza. A tal fine i Comuni devono consolidare i rapporti con le altre amministrazioni pubbliche interessate (Ufficio territoriale per il governo, Ufficio scolastico regionale per gli alunni stranieri, scuole, Regione, Centri territoriali per l'impiego, Province, Ausl, Centro giustizia minorile, etc.) e i soggetti del privato sociale, al fine di costruire progetti integrati per consolidare la rete che in alcuni ambiti territoriali si è creata». Il processo di integrazione, prosegue la nota, «implica una conoscenza reciproca tra le diverse culture e deve operare per favorire lo scambio e l'incontro. Quindi un monitoraggio costante del fenomeno migratorio con il potenziamento dell'Osservatorio regionale sui movimenti migratori e collegamento in rete con il costituendo Sistema informativo sociale regionale. Realizzazione, inoltre, di Centri di prima accoglienza in grado di ospitare temporaneamente gli extracomunitari, garantendo loro le cure di primaria necessità (salute, ristorazione, igiene, riposo) e promozione, da parte dei Comuni, di politiche per la casa anche per i nuclei familiari interessati. Realizzazione di centri interculturali per la promozione dell'associazionismo al fine di stimolare la partecipazione alla vita sociale e lo scambio culturale».
Sono altresì previste l'attivazione di sportelli informativi per garantire un'adeguata conoscenza in relazione all'assistenza socio-sanitaria, legale, lavorativa e scolastica nonché «la figura del mediatore culturale e linguistico che dovrà svolgere un ruolo di "cerniera" nei rapporti tra amministrazione e stranieri». Sono previsti anche corsi di lingua e cultura italiana per adulti al fine di agevolare l'inserimento sociale e lavorativo degli immigrati e corsi di formazione professionale, attraverso gli enti di formazione accreditati presso la Regione. I Piani di zona, infine, «possono prevedere, insieme all'Ufficio scolastico regionale, il sostegno a interventi di formazione di docenti e alunni all'interno delle scuole, per favorire una maggiore conoscenza del fenomeno migratorio. A tal fine sono disponibili le risorse derivanti dalle misure del Pon "La scuola per lo sviluppo" che possono finanziarie i relativi progetti».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione