Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 22:49

Mafia - Preso latitante Scu in Germania

Il Ros di Lecce ha arrestato Luigi Antonio Riezzo, accusato di associazione di stampo mafioso finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di armi
LECCE - I carabinieri del Ros di Lecce, in collaborazione con la polizia tedesca, hanno arrestato in Germania Luigi Antonio Riezzo, di 58 anni, originario di Galatone (Lecce), latitante da circa dieci mesi. L' uomo, ritenuto esponente di primo piano di una frangia della Sacra corona unita (Scu), è stato bloccato nella Bassa Sassonia, al confine con l' Olanda.
A carico di Riezzo pende un' ordinanza di custodia cautelare in carcere, diffusa in campo internazionale, firmata dal gip del Tribunale di Lecce Enzo Taurino, che aveva accolto le richieste restrittive del procuratore aggiunto della Dda salentina, Cataldo Motta, e del sostituto procuratore Patrizia Ciccarese. Riezzo è accusato di associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di armi.
Assieme a Luigi Di Gesù, di 34 anni, e a Giuseppe Minisgallo, di 36, già catturati, Riezzo il 24 febbraio scorso sfuggì all' operazione chiamata "Grifone" con la quale i carabinieri del Ros arrestarono 49 presunti affiliati al clan Coluccia di Noha di Galatina (Lecce). L' ex latitante è ritenuto il luogotenente dei fratelli Coluccia dell' omonimo clan che, con metodi mafiosi, operava nell' area sud occidentale della provincia di Lecce.
Secondo le indagini, Riezzo anche dalla Germania continuava a mantenere il controllo dell' organizzazione criminale e si stava attivando per ricomporre la struttura malavitosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione