Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 15:42

In Capitanata il festival «CapoDanZe»

A Biccari dal 27 dicembre al 4 gennaio la maratona di musiche e danze popolari, organizzata in due moduli, con corsi, lezioni, concerti, spettacoli e balli ad oltranza in una tendostruttura • Il programma • La logistica
FOGGIA - Prende il via domani, lunedì 27 dicembre, il festival "CapoDanZe", la maratona di musiche e danze popolari che si svolgerà a Biccari in provincia di Foggia fino al 4 gennaio, in due moduli (27-31 dicembre e 31 dicembre - 4 gennaio).
Ogni giorno, dalle 10 alle 13, dalle 14 alle 17 corsi e lezioni, e poi di sera a partire dalla 21,30 ad oltranza concerti, spettacoli e balli dei corsisti e della gente del luogo.
Oltre 400 i partecipanti al festival folk CapoDanZe: tra questi 16 gruppi folk, 30 insegnanti e centinaia di appassionati di danze popolari, principianti ed esperti provenienti da tutte le regioni d'Italia e anche dall'estero (Francia, Germania, Inghilterra, Svizzera).
In calendario, oltre a corsi di canto, organetto, tamburello e tammorra, c'è soprattutto una grande scorpacciata di danze popolari multietniche, sia durante gli stage (mattina e pomeriggio) che durante i "concerti a ballo" (sera/notte): danze del sud (pizziche, tammurriate, tarantelle), del centro nord (saltarelli, manfrine, gighe, courente, ecc.) e tante danze dell'Europa (francesi, irlandesi, basche, greche, balcaniche, ecc.) e di altri continenti (danze arabe, israeliane, asiatiche, americane).
Completano il quadro alcune videoproiezioni sugli anziani portatori di tradizione (canora e musicale) del Gargano, Salento, Campania, Marche, l'intervento di artisti di strada (burattinai, trampolieri, mangiafuoco, fachiri, ecc), banchi artigianali, sagre di prodotti tipici.
I festival Capodanze (versione invernale) e Zingarìa (versione
estiva) sono organizzati da Francesco Marino, presidente dell'Associazione Carovana Folkart.
Il Comune di Biccari, che già da alcuni anni è stato contagiato dal festival (tre anni di laboratori scolastici e serate varie organizzate con i gruppi folk della Carovana), si è subito rimboccato le maniche; in particolare l'assessore Donatello Sessa, che ha fatto da tramite con l'intera Amministrazione Comunale, i dirigenti dell'Ufficio Affari generali e dell'Ufficio Tecnico.
Risultato: è stata già montata una tendostruttura di 300 mq in piazza, con pavimento in legno e moquette, per accogliere, dal 27 dicembre al 4 gennaio, gli stages di danza che si svolgeranno mattina e pomeriggio e i "concerti a ballo" della sera/notte; sono già state installate delle docce supplementari nella scuola e palestra che ospiterà logisticamente i gruppi folk.
Strategica la collaborazione di Domenico Cercia, della Pro Loco di Biccari, per sistemare tutti i partecipanti al festival: ben 14 appartamenti sfitti sono stati messi a disposizione per i pernottamenti, oltre a due Bed & Breakfast, un albergo, il convento e un agriturismo. Chi è arrivato tardi ha dovuto trovare sistemazione negli alberghi dei vicini Comuni di Troia e Lucera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione