Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 00:30

Un'emittente radiofonica nel sud della Bolivia con l'aiuto di Barletta e Vercelli

In un'area caratterizzata dall'analfabetismo degli abitanti e dalla ridotta diffusione di altri tradizionali mezzi di comunicazione. Gli speaker di Radio Lachiwana si esprimono prevalentemente in lingua indigena, il Kechwa
BARLETTA - Un'emittente radiofonica a Cochabamba, città del sud est della Bolivia, realizzata con il contributo in tandem di due Enti locali italiani: Barletta e Vercelli. Questo il progetto realizzato in Bolivia, promosso dall'associazione in sinergia con le organizzazioni sindacali, indigene, contadine e dei movimenti delle donne del paese latino-americano, finalizzato a diffondere la comunicazione pubblica nei territori Andini in lingua indigena, soprattutto una divulgazione non manipolata dagli interessi governativi.
Attualmente sono realizzate venti ore giornaliere di trasmissione di Radio «Lachiwana» (dal nome di un'ape industriosa ma temibile se attaccata).
E proprio oggi, a Barletta, «per l'appoggio solidale alla costruzione di ponti tra sud e sud del mondo» è stata consegnata una targa al sindaco di Barletta, Francesco Salerno, da Giuseppe De Marzo, portavoce dell'associazione nazionale «A Sud, Ecologia e Cooperazione».
«Per comprendere meglio l'importanza del gesto compiuto occorre evidenziare lo scenario socio culturale nel quale trova cittadinanza questa azione benefica - ha spiegato De Marzo -. Un contesto nel quale la maggioranza della popolazione civile vive a proprie spese la supremazia delle multinazionali del gas e del petrolio, che producono emarginazione, povertà, ignoranza, violazioni e negazione dei più elementari diritti umani».
Una radio libera, indipendente, un mezzo di comunicazione e informazione ormai insostituibile in un'area, caratterizzata dall'analfabetismo degli abitanti e dalla ridotta diffusione di altri tradizionali mezzi di comunicazione. Gli speaker di Radio Lachiwana si esprimono prevalentemente in lingua indigena, il Kechwa, un accorgimento basilare per «avvicinarsi» al nucleo popolare ed integrarlo alla società.
Paolo Pinnelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione