Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 08:29

«Più imprenditori e meno burocrati»

È l'invito del presidente del consorzio «Sposa & Moda» di Putignano, Gianpiero Lippolis, riferendosi alle organizzazioni create per rilanciare l'economia regionale
PUTIGNANO - «Più imprenditori e meno burocrati alla direzione degli enti economici, a partire dalla società per azioni "Modamediterranea" promossa dalla Camera di Commercio» lo sostiene Gianpiero Lippolis, presidente del consorzio «Sposa & Moda» di Putignano, tra i consorzi più importanti d'Italia nel settore.
«Nelle organizzazioni create per rilanciare l'economia regionale occorrono meno burocrati e più imprenditori - continua Lippolis - il 2004 si chiude con la grande speranza che il peggio per il settore tessile, abbigliamento e calzaturiero sia passato. Negli ultimi due anni il comparto, in tutta la Puglia, ha attraversato uno dei momenti più bui della sua storia, ma l'accordo di programma quadro varato dal governatore Raffaele Fitto ci offre una speranza per il futuro. Occorre, però, che i soggetti preposti ad aiutare le imprese a penetrare i mercati nazionali e internazionali si mettano seriamente in moto».
Il presidente di «Sposa e Moda» ritiene che pur essendo presenti sul territorio diversi soggetti in grado di accompagnare le imprese fuori dalla crisi, gli imprenditori si sentono sempre più soli. «Ecco perché ci sarebbe bisogno di una nostra presenza ai vertici di queste organizzazioni - aggiunge Lippolis -. L'appello che rivolgo al presidente Fitto è proprio in tal senso, a fidarsi di più degli imprenditori, che possono garantire lo sviluppo locale se mantengono e rafforzano la propria azienda e difendono il livello occupazionale nel territorio».
E secondo Lippolis, uno dei soggetti su cui andrebbe operata subito una inversione di tendenza è «Moda Mediterranea», la società costituita nel 2002 per iniziativa della Camera di Commercio di Bari per assicurare funzioni di promozione e supporto al settore moda. «E' quindi indispensabile che l'imprenditore sia presente laddove vengono prese le decisioni strategiche ed è necessario ridurre la distanza tra i bisogni reali degli imprenditori e il tessuto politico regionale, per trasformare i problemi in opportunità per il territorio e per tutto il comparto» ha concluso Lippolis.
Paolo Pinnelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione