Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 16:54

Tragedia a Lequile - Il pm: bimbo non ha preso farmaci

E' ancora ricoverato in gravi condizioni il bambino disabile di 8 anni ridotto in fin di vita nella sua casa dove anche sua madre è stata trovata priva di sensi e un giovane tedesco è morto per cause sulle quali sono ancora in corso indagini
LECCE - E' ancora ricoverato in gravi condizioni il bambino disabile di 8 anni ridotto in fin di vita nella sua casa di Lequile dove anche sua madre è stata trovata priva di sensi e un giovane cittadino tedesco, amico di famiglia, è morto per cause sulle quali sono ancora in corso indagini.
Il pm inquirente, Giovanni De Palma, ha riferito che i medici hanno escluso che il bambino abbia assunto farmaci, come si era ipotizzato ieri, ma non ha formulato ipotesi sulle case della tragedia e non ha aggiunto altro sulle indagini in corso demandando l'accertamento delle cause della morte del giovane all'autopsia che verrà eseguita nei prossimi giorni. Il bambino, che è in condizioni più gravi di sua madre, è ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale Vito Fazzi, mentre la donna è sotto osservazione nel reparto di neurologia dello stesso nosocomio.
Madre e figlio erano stati soccorsi ieri dal marito della donna e padre del bambino, che rientrando a casa ha trovato la moglie e il giovane riversi nella camera da letto: la donna priva di sensi e lui morto, mentre il bambino, anche lui svenuto, era in un'altra stanza.
Sono numerosi i punti oscuri della vicenda che gli inquirenti, che mantengono il massimo riserbo sulle indagini, hanno da chiarire. Inizialmente si era ipotizzato che i tre avessero assunto farmaci antidepressivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione