Lunedì 23 Luglio 2018 | 02:26

Arrestato a Rimini latitante barese

In manette per rapina aggravata, detenzione e porto illegale di pistola e ricettazione è finito il 22enne Giuseppe Armenise, qualche tempo fa era sfuggito ad regolamento di conti a Bari, al quartiere San Girolamo
TRANI - Era riuscito a sfuggire alla cattura trasferendosi a Rimini, ma la sua latitanza si è interrotta l'altra mattina quando gli agenti del commissariato di Rimini lo hanno individuato ed arrestato sulla riviera romagnola.
In manette per rapina aggravata, detenzione e porto illegale di pistola e ricettazione è finito il 22enne barese Giuseppe Armenise. Il giovane è un personaggio ben noto alle forze dell'ordine: è infatti sfuggito ad regolamento di conti a Bari, al quartiere San Girolamo. In quell'occasione venne solo ferito, mentre furono uccise due persone che, con lui, erano il bersaglio dei sicari.

Gli uomini della squadra mobile di Rimini hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Trani, Michele Nardi su richiesta del pm Ettore Cardinali.
Le minuziose indagini degli uomini del Commissariato di Trani, che hanno condotto le indagini, avrebbe accertato che Armenise, il 16 novembre dello scorso anno, con un complice ancora non identificato, sarebbe stato l'autore di di una rapina ai danni di un supermercato di Trani.
Nel corso della rapina i due armati di pistola e col volto coperto da casco e passamontagna, non esitarono a picchiare il cassiere che si era rifiutato di consegnare l'incasso. I due fuggirono con una motocicletta di grossa cilindrata che, pochi minuti più tardi venne coinvolta in un incidente stradale e venne abbandonata nei pressi della Ss 16 bis,, insieme ad alcuni indumenti dai quali gli investigatori sono riusciti a risalire ad Armenise, che nel frattempo si era dileguato trasferendosi sul litorale romagnolo. Fino all'altro giorno quando è stato rintracciato ed arrestato.
Paolo Pinnelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS