Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 18:33

L'assessore Franzoso torna a casa

Il gip del Tribunale di Lecce ha disposto la scarcerazione dell'ex assessore regionale pugliese ai Trasporti. Pietro Franzoso era stato arrestato per corruzione elettorale • La felicità del vicesindaco di Taranto
TORRICELLA (TARANTO) - L'ex assessore regionale pugliese ai Trasporti Pietro Franzoso è tornato in libertà nel tardo pomeriggio ed è rientrato nella sua abitazione a Torricella, dove ha riabbracciato i familiari dopo l'arresto del 16 dicembre scorso con l' accusa di corruzione elettorale finalizzato al voto di scambio. Franzoso è stato scarcerato oggi per disposizione del gip del Tribunale di Lecce. All' arrivo sotto casa non ha voluto fare dichiarazioni.
«Non commento nulla sull' aspetto processuale della vicenda - ha affermato uno dei suoi legali di fiducia, l'avv. Angelo Masini, che ha accompagnato Franzoso dal carcere di Lecce fino a casa - sotto l'aspetto umano sono vicino ad una persona stimata e rispettata da molti».
Franzoso ha lasciato il carcere di Lecce intorno alle 16 dopo aver avuto un colloquio per oltre un' ora con l'avv. Masini.
L'ex assessore - che si è dimesso appena è stato raggiunto dall'ordinanza di custodia cautelare - è stato interrogato il 18 dicembre scorso al gip, cui ha fornito chiarimenti in particolare sull' accusa di aver assunto nell'azienda di famiglia nel 2000 il fratello, incensurato, di due capi clan di un gruppo malavitoso attivo nel tarantino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione