Domenica 22 Luglio 2018 | 01:25

Candidati in Puglia e Basilicata. Slitta vertice Gad

Posticipato il vertice del centrosinistra nel tentativo di chiudere la partita delle candidature alle regionali. In sospeso Lombardia, Basilicata e Puglia per il braccio di ferro con il Prc che insiste su Niki Vendola
ROMA - E' slittato il vertice del centrosinistra, convocato per domani mattina nel tentativo di chiudere la partita delle candidature alle regionali. Un rinvio per evitare un flop che avrebbe messo a nudo le difficoltà in cui versa la coalizione. La decisione è stata presa in serata, al termine di una giornata di incontri e contatti tra Prodi e i leader dell'Ulivo per superare contrasti che permangono. Sono rimaste vuote, infatti, le caselle delle presidenze in Lombardia, Basilicata e Puglia per il braccio di ferro con il Prc che insiste su Niki Vendola in Puglia nonostante le resistenze della Quercia, e con l'Udeur che, dopo l'incidente alla Camera che ha coinvolto Clemente Mastella, ha alzato la posta e ora non pone tanto il problema della Basilicata ma chiede garanzie sulla sua stessa permanenza nell'allenza.
Al momento la grana dell' Udeur è la più grossa e anche la più delicata. Mastella, che anche oggi ha mantenuto la linea del «silenzio indignato» per gli insulti che ha ricevuto in Aula da Rosy Bindi e altri alleati durante le votazioni sulla legge Cirielli, aveva già fatto sapere che avrebbe disertato il vertice della Gad con Prodi prima della notizia del rinvio, e per domani mattina ha convocato l'ufficio politico dell' Udeur.
Mastella ha chiesto precise «garanzie politiche», che il capogruppo al Senato dell'Udeur Mauro Fabris ha spiegato in un editoriale che domani sarà pubblicato sul «Campanile». «Noi non abbiamo posto problemi di poltrone, ma questioni essenziali per l'alleanza: il programma, la leadership, la rappresentanza plurale della GAD» ha sottolineato Fabris annunciando le «rinunce» a candidarsi di Ostillio a Taranto, di De Franciscis a Caserta e «degli amici dell'Udeur» della Basilicata, per dare più forza alla richiesta di un chiarimento politico a tutto campo.
«Se non ci vogliono, se non rispondono alle nostre questioni, ne prendiamo atto» avverte Fabris. L'Udeur, quindi, rinnova la minaccia di lasciare la Gad «perchè se non accetta una forza moderata come la nostra è troppo spostata a sinistra». Le «garanzie» chieste da Mastella sono state al centro degli incontri di Romano Prodi con Piero Fassino nel pomeriggio e con Franco Marini in serata. Al termine di questi colloqui, in cui si è discusso anche della Puglia e della Lombardia e di altre situazioni locali, il segretario dei Ds si è limitato a dire che si sta «lavorando per una soluzione» mentre il responsabile organizzativo della Margherita, prima della decisione del rinvio, aveva detto di «non essere in grado» di dire se domani si sbloccherà tutto. Dall' Udeur hanno fatto sapere in serata che «al momento le garanzie chieste non ci sono» mentre anche negli ambienti della Margherita è prevalso lo scetticismo su una soluzione a breve, visto che, oltre al problema Udeur, rimane in piedi il caso Vendola in Puglia e non si è ancora definito il candidato «vincente» per la Lombardia. Per quanto riguarda la Puglia, il Prc con Franco Giordano ha insistito sulla candidatura di Vendola sostenendo che «si sarebbe andati fino in fondo» con una confronto alle primarie previste lunedì prossimo tra Vendola e Boccia, il candidato sponsorizzato dai Ds. Anche oggi, peraltro, la Quercia con una presa di posizione di Massimo D'Alema ha rinnovato le sue perplessità sul candidato del Prc.
Dopo questi segnali negativi, e la persistenza dei veti, Prodi ha deciso di «aggiornare la riunione in attesa di concludere il lavoro preparatorio con l'indicazione delle ultime candidature» come ha annunciato in una nota a fine giornata. Negli ambienti ulivisti si osserva che questa decisione è stata presa anche in vista delle primarie che si svolgeranno in Puglia il 20 dicembre per la scelta del presidente della regione e che si starebbero per proclamare anche in Basilicata.
L'intenzione sarebbe quella di ascoltare gli elettori locali per avere la spinta necessaria a sciogliere i nodi rimasti.
Intanto lunedì si svolgerà il vertice dell' Ulivo e da come i partiti della Federazione risolveranno la questione della lista unitaria dipenderà, in parte, l'esito del prossimo incontro della Gad, per ora rinviato senza una nuova data di convocazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

GDM.TV

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

Bari, avvistato grosso topo a Pane e Pomodoro: tranquilli è una bufala

 
Locorotondo, così il suocero tentòdi uccide il genero: «Sei morto»

Locorotondo, così il suocero tentò di uccidere il genero: «Sei morto»

 
Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

Faida garganica, omicidio in pieno giorno a San Ferdinando

 
Bari, donna prigioniera del fuoco in casa. le grida di aiuto

Bari, incendio e paura a Japigia. Le grida, il salvataggio e le testimonianze

 
Bari ai baresi

Bari ai baresi? I sogni e le voci dei biancorossi

 
Maxi sequestro a Lecce

Lecce, maxi sequestro di anabolizzanti: 500mila pasticche in un garage VIDEO

 
Commento fallimento Baricalcio di Fabrizio Nitti

Nitti (Gazzetta): «Troppo tardi. Evidenti colpe di chi ha gestito»

1commento

 
La sciarpata, l'inno, l'emozioneSulle note si «insegue un sogno»

La sciarpata, l'inno, l'emozione. Sulle note si «insegue un sogno»

 

PHOTONEWS