Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 18:33

13 rinvii a giudizio per ipermercato Foggia

Tra gli imputati l'ex sindaco Paolo Agostinacchio; il costruttore Stelio Fantini; il legale rappresentante della Coop estense, Tino Cesari. Le accuse: abuso d'ufficio, falso e lottizzazione abusiva
FOGGIA - Sono state rinviate a giudizio le tredici persone indagate per i presunti abusi relativi al progetto di ampliamento del centro commerciale «Mongolfiera» e accusate, a vario titolo, di abuso d'ufficio, falso e lottizzazione abusiva. Lo ha deciso questo pomeriggio il gup del Tribunale di Foggia, Enrico Di Dedda, che ha accolto la richiesta del pm Rosa Pensa. Tra gli imputati figurano l'ex sindaco Paolo Agostinacchio, l'ingegnere capo dell'Ufficio tecnico del Comune, Fernando Biagini; il dirigente dell'Ufficio legale del Comune, Domenico Dragonetti; il costruttore Stelio Fantini; il legale rappresentante della Coop estense, Tino Cesari; l'imprenditore Antonio Sarni, e Leonardo e Alessandro Benevolo, incaricati dal Comune di realizzare il piano regolatore generale.
Del progetto di raddoppio del centro commerciale di viale degli Aviatori si iniziò a parlare nel 1998, in concomitanza con la crisi del centro commerciale «Cristallo», in via Nedo Nadi. Il raddoppio avrebbe dovuto trasferire le licenze sull'area verde di viale degli Aviatori per venire incontro alle esigenze dei commercianti rimasti senza strutture.
Nel progetto di ampliamento della «Mongolfiera» erano previsti una palazzina servizi destinata al Comune di Foggia, una multisala e aree verdi. In riferimento all'ipotesi di abuso d'ufficio, gli indagati secondo la tesi accusatoria avrebbero indetto una Conferenza di servizi nel 1999 per realizzare un progetto di recupero del "Cristallo" senza accertare se vi fosse la conformità del progetto in materia ambientale e di sicurezza sul lavoro, convocando tardivamente la Regione Puglia a questa Conferenza di servizi.
L'ipotesi di falso si riferisce al fatto che sarebbe stata verificata la conformità del progetto sul falso presupposto dell'esistenza di queste certificazioni. Quanto all'ipotesi di lottizzazione abusiva, sarebbe stata data la concessione edilizia su zone su cui non era possibile edificare perché destinate a verde agricolo.
Il processo avrà inizio il prossimo 16 febbraio, davanti ai giudici della seconda sezione penale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione