Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 05:27

S. Nicola di Bari, in arte Babbo Natale

Il volto del vescovo di Myra è stato ricostruito al computer, dopo la misurazione delle ossa facciali, all'università di Manchester in collaborazione con l'esperto barese Franco Introna. Si basa su rilievi effettuati nella Basilica
San Nicola di Bari: il volto ricostruito al computer LONDRA - Carnagione olivastra. Capigliatura ispida tagliata a spazzola. Barba sale e pepe a contorno di una mascella forte e naso storto. È questo il vero volto di Babbo Natale, secondo un'equipe di scienziati che l'ha ricostruito al computer basandosi sulle reliquie di San Nicola, il generoso vescovo di Myra (oggi Dembre in Turchia) vissuto nel XIV secolo d.C. i cui resti sono conservati nella basilica di San Nicola a Bari, e al quale s'ispira la figura più amata dai bambini di mezzo mondo.
«Se si trovasse quest'uomo in salotto la notte di Natale, verrebbe istintivo tirar fuori una pistola», ha dichiarato al tabloid britannico "Daily Mail" l'antropologo Anand Kapoor, che con la collega dell'università di Manchester, Caroline Wilkinson, ha elaborato l'immagine tridimensionale del viso del santo. Il volto infatti assai si discosta nelle fattezze dalla faccia gioviale e rubiconda del Babbo Natale che tutti conosciamo.
Il vero Santa Claus, una storpiatura del nome latino Sanctus Nicolaus, non misurava neanche un metro e sessantotto di altezza ed aveva lineamenti marcati, induriti da un naso rotto che secondo la leggenda sarebbe stato la conseguenza di uno scontro fisico con un vescovo.
La ricostruzione è stata effettuata dagli antropologi britannici in collaborazione con un team di studiosi italiani guidato dal professore di Medicina legale Francesco Introna, di Bari.
L'équipe di scienziati ha utilizzato i più moderni metodi di diagnostica per ricreare il volto, che si basa sulle rilevazioni ottenute con i raggi X e sulle misurazioni delle ossa del santo prese 54 anni fa, quando la sua tomba fu aperta per il restauro della cripta.
L'immagine, pubblicata oggi da diversi tabloid britannici, raffigura San Nicola quando aveva fra i 65 ed i 70 anni, l'età alla quale morì. Il processo seguito per realizzarla sarà oggetto di un documentario intitolato "The Real Face of Santa" (La vera faccia di Santa) che sarà trasmesso sabato 18 dicembre su BBC2.
Nato il 270 d.c. a Patara nel sud della Turchia, Nicola rimase orfano di entrambi i genitori quando era molto giovane, ma ereditò grandi ricchezze delle quali si servì per aiutare i poveri. Entrato in un monastero per studiare da prete, divenne vescovo di Mitra e dedicò la sua vita ad aiutare il prossimo.
La leggenda più famosa sulla vita di questo santo, ricordata anche nel Purgatorio di Dante (XX, 31-33), racconta di un nobiluomo caduto in disgrazia che si disperava per la sorte delle sue tre giovani figlie per le quali non aveva una dote disponibile. Nicola volle aiutare la famiglia e, per tre notti consecutive, gettò dentro la finestra del loro castello tre sacchi pieni di monete d'oro.
La terza notte trovando chiuse tutte le finestre, Nicola fu costretto ad arrampicarsi sul tetto per calare le monete giù dal comignolo. L'oro, cadendo, si infilò nelle calze delle fanciulle appese ad asciugare vicino al camino e, da allora in molti Paesi è rimasta la tradizione di appendere calze la notte di Natale per ritrovarle la mattina dopo colme di doni.
Furono gli emigranti olandesi quando fondarono New Amsterdam, l'odierna New York, a portare il nome di San Nicola fino in America. Infatti, a proteggere i marinai che salparono verso il Nuovo Continente, sulla prua di una nave c'era proprio l'immagine di San Nicola (Sinter Klaas) con in bocca una lunga pipa olandese.
La figura del Sant'uomo piacque anche ai coloni inglesi e nel 1809 Washigton Irving pubblicò un libro, «Una storia di New York», in cui parlava di «Sancte Claus», un vescovo che la notte di Natale cavalcava nei cieli, su un cavallo bianco, per portare i suoi doni ai bambini. Piano piano così nacque il mito. All'inizio degli anni '30, la Coca Cola, in cerca di nuove idee per promuovere la bevanda nei periodi invernali, assunse un celebre illustratore, Haddon Sundblom: fu lui a creare il primo disegno del moderno Santa Claus, il nostro Babbo Natale, vestendolo di rosso e bianco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione