Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 03:00

A Gallipoli chiesa «Aperta di domenica»

Singolare «provocazione» di un parroco contro lo shopping sfrenato. «Se si vuole la domenica si può trovare il tempo per recarsi a messa e poi fare shopping»
GALLIPOLI (LECCE) - Uno striscione provocatorio con su scritto «Aperto di domenica»: la scritta non compare su un cartello esposto davanti ad un negozio o un supermarket, ma sopra il portale di una chiesa. E' quanto accade a Gallipoli.
Protagonista della singolare iniziativa è don Salvatore Leopizzi, parroco della chiesa di Sant'Antonio da Padova, sul lungomare Galilei. Stanco di vedere sacrificato il giorno dedicato al Signore sull'altare dello shopping natalizio, che impone l'apertura domenicale e nelle ricorrenze religiose degli esercizi commerciali, il sacerdote di Gallipoli ha pensato bene di ricordare ai suoi fedeli quale fosse il loro principale dovere di cristiani, affiggendo davanti alle due entrate della chiesa, lo striscione dove si ricorda a tutti, polemicamente, che la domenica la chiesa resta aperta e che «senza la domenica non possiamo vivere».
«La mia non vuole essere né una provocazione , né un monito, ma solo un modo per mantenere viva la memoria di buon cristiano», commenta don Salvatore. «Mi riferiscono - prosegue il parroco - che durante la domenica, nei mercati, nei negozi, in questo periodo , c'è sempre tantissima gente, mentre in pochi si ricordano di recarsi a messa. Ecco allora l'invito a ricordarsi che la Chiesa è aperta anche di domenica. L'uomo non può essere considerato merce, né essere mercerizzato. Non sono contro il consumismo, ma contro il consumismo sfrenato che fa dimenticare le buone tradizioni».
«Se si vuole, - continua il sacerdote - la domenica si può trovare il tempo per recarsi a messa e poi fare shopping; come Chiesa abbiamo il dovere di fare in modo di rammentare che la messa è comunque il cuore della domenica». Lo striscione resterà affisso fino all'Epifania.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione