Cerca

Martedì 23 Gennaio 2018 | 15:05

Indagati due macchinisti per lo scontro tra treni

Erano nel treno merci che il 2 dicembre scorso entrò in collisione con con un convoglio passeggeri nel tratto fra Palagianello e Castellaneta, in provincia di Taranto. L'ipotesi di reato è quella di disastro colposo ferroviario. Si farebbe dunque strada l'ipotesi che possa essere stato un errore umano a provocare lo scontro
TARANTO - Sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Taranto i due macchinisti del treno merci coinvolto nello scontro ferroviario del 2 dicembre con un treno passeggeri nel tratto fra Palagianello e Castellaneta, in provincia di Taranto. L'ipotesi di reato è quella di disastro colposo ferroviario. L'incidente ha provocato il ferimento di 78 persone, tra le quali un ragazzo di 16 anni di Lizzano (Taranto) che ha subito l'amputazione del braccio sinistro.
L'iscrizione dei due macchinisti nel registro degli indagati è stata disposta dal sostituto procuratore Remo Epifani, che dirige le indagini e che attende che i cinque consulenti nominati dalla Procura stendano una relazione tecnica sulle modalità dell'incidente e sulle cause che lo hanno provocato. Alcuni dei consulenti il giorno dopo l'incidente hanno compiuto un sopralluogo nella zona dello scontro, annotando una serie di elementi tecnici, fra cui la velocità dei due convogli: il merci procedeva - a quanto si è saputo - a 30 chilometri orari, il passeggeri a 80 chilometri all'ora. Da parte sua la Polizia ferroviaria ha raccolto le deposizioni dei macchinisti sia del treno merci sia di quello passeggeri.
Con l'iscrizione nel registro degli indagati dei due macchinisti del convoglio merci si farebbe strada l'ipotesi che possa essere stato un errore umano a provocare lo scontro. Secondo quanto emerso dalle prime indagini, il treno merci viaggiava in direzione di Taranto mentre quello passeggeri, l'espresso Reggio-Calabria, arrivava in direzione opposta dopo aver superato da un paio di chilometri la stazione di Palagianello. Nonostante la presenza di un semaforo, il locomotore del treno merci urtò le ultime tre carrozze di quello passeggeri, che finirono in una scarpata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400