Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 13:04

Vino tarantino «oro» in Inghilterra e Germania

Medaglia d'oro ai prodotti della Cantina Vigne & Vini di Leporano all'International Wine & Spirit Competition (IWSC) di Londra e nella rassegna Mundus Vini
LEPORANO (TA) - Il 2004 sarà ricordato come un anno tutto d'oro per i vini della Magna Grecia perché ha riservato riconoscimenti internazionali alla sua migliore produzione enologica.
La Cantina Vigne & Vini di Leporano in questi giorni ha ricevuto altri premi per la qualità del proprio prodotto in Inghilterra e Germania.
In terra d'Albione il premio è stato col metallo più pregiato all'International Wine & Spirit Competition (IWSC) di Londra dove il "Tatu 2002 Primitivo del Tarantino Igt", insieme a soli altri sette vini italiani che hanno ricevuto analogo riconoscimento (i risultati del concorso su www.iwsc.net), è stato particolarmente apprezzato.
Anche la Germania ha riservato la medaglia d'oro al prodotto ionico nella rassegna Mundus Vini, dove la cantina di Leporano ha presentato il "Papale 2001 Primitivo di Manduria Doc".
L'azienda del tarantino, con questi nuovi riconoscimenti, si pone all'avanguardia della qualità enologica magnogreca. Essa, infatti, è l'unica rappresentante pugliese nell'albo d'oro del Concorso Mondiale di Bruxelles 2004 con lo "Schiaccianoci Negroamaro del Salento Igt".
Il "Tatu", dal colore rosso rubino intenso con sfumature violacee e gradevoli note speziate a livello olfattivo, si estrae da uve selezionate di Primitivo al 90% ed un'aggiunta di Aglianico.
«Questi risultati - afferma il direttore dell'azienda, Cosimo Varvaglione - rendono merito ad un'azienda che dimostra come l'enologia in Puglia sia oggi in grado di arrivare ai vertici mondiali, riuscendo a portare a casa una serie di riconoscimenti a livello internazionale e rappresentando il vino italiano nel mondo».
All'IWCS di Londra la Vigne & Vini ha presentato anche il suo "Papale 2001 Primitivo di Manduria Doc" ottenendo il Bronzo come miglior vino della sua categoria con un punteggio di oltre 70 centesimi. «I riconoscimenti ottenuti dai nostri vini a Londra ed in Germania - ha sottolineato Varvaglione - rappresentano un risultato molto importante per la nostra azienda. Essi, inoltre, contribuiscono a proiettare la Puglia nella ribalta internazionale e confermano come il territorio tarantino in particolare, zona di antichissima tradizione vinicola e di grande produzione, sia purtroppo spesso sottovalutato dai vari "opinion leader" del settore».
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione