Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 09:58

Le gemelle Lecciso pastori di terracotta nel Presepe di San Gregorio Armeno

Il maestro pastoraio napoletano è noto per realizzare ogni Natale il Personaggio-simbolo dell'anno in versione statuina del presepe. Accanto ad Arafat e Prodi, il 2004 del geniale artigiano vede anche le sorelle Lecciso; Loredana, la più nota delle due, è moglie del cantante Al Bano
Napoli, che ha dato al presepe non i natali ma la capacità di farne un «bissinèss», ha trovato un posto all'uopo per le gemelle Lecciso, Loredana e Raffaella: pastori nel Presepe di Ferrigno. Giuseppe Ferrigno, maestro pastoraio in San Gregorio Armeno, è noto ai più per la geniale e recente invenzione di realizzare in terracotta, per il santo Natale, il Personaggio dell'Anno. Lo troviamo al lavoro al suo banchetto all'ingresso della bottega, tra creta e stampi in gesso; indossa una felpa sulla quale campeggia in oro la scritta «Ferrigno, dal 1836». Questione di immagine, lui sì che se ne intende.
Quanto alle sorelle Lecciso, salite alla ribalta della cronaca mondana grazie alle apparizioni in tv (nonché al pari potere mediatico del divieto loro imposto di ulteriori apparizioni tv nella trasmissione «Domenica in»), saranno presentate in esclusiva su un settimanale femminile nella versione «statuine» del presepe. E il maestro Ferrigno difende a denti stretti la «privacy» del suo lavoro, al punto da negarci anche la sola visione delle Nostre riprodotte in terracotta.
Per ora, sappiam per certo che tra lavandaie, zampognari e fruttivendoli, ovvero «pastori» (a Napoli le statue son tutte «pastori», è «'a livella» dell'arte presepiale) di consolidata fama, conquistata da secoli di comprovata presenza in zona Natività, Ferrigno 2004 ha realizzato, oltre alle Lecciso, Arafat, Prodi e Costantino, altra star della televisione nazionale. «Non sono personaggi in vendita - spiega il maestro pastoraio - ma servono ad attirare la gente a San Gregorio; alla fine è un vantaggio per tutti noi che campiamo con questo lavoro».
E motivo di gloria, aggiungiamo noi, per i Personaggi in questione. Riuscire a passare alla Storia, accanto ad un Arafat, e senza affannarsi a cercarne una ragione.
Francesca Di Tommaso

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione