Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 18:51

Bari - «Risch-io» contro la droga

Presentato un progetto triennale per individuare nella provincia strategie «partecipative» a favore dei più giovani soggetti a rischio di tossicodipendenza
BARI - Individuare strategie «partecipative» con i soggetti cosiddetti a rischio: è quanto si propone, nel campo dell' assunzione di sostanze leggere e nuove droghe, il progetto triennale «Risch-io» presentato oggi a Bari dal viceprefetto Maria Filomena Dabbicco, e dal responsabile dell' Oasi 2 d Trani (Bari), Felice Di Lernia.
Secondo quanto hanno spiegato i due responsabili del progetto, che rientra tra le attività del Fondo nazionale per la lotta alle tossicodipendenze in collaborazione con il Ministero del Lavoro, si tratterà di approfondire i rischi di queste sostanze interpellando i giovani sulla percezione di rischio per trovare con loro soluzioni partecipate.
Per fare questo è già stata avviata la compilazione di un questionario che sarà distribuito a campione a Trani, Altamura e in alcuni quartieri della città di Bari; destinatari i giovani tra i 14 ed i 25 anni.
In una seconda fase, dal 12 dicembre poi, verranno avviati sempre in queste zone i cosiddetti 'focus group' con la partecipazione di ragazzi provenienti da associazioni ed organizzazioni giovanili e «testimoni privilegiati»: assistenti sociali, operatori, specialisti. «I risultati delle discussioni con i giovani - hanno detto Dabbicco e Di Lernia - verranno integrati in itinere per individuare gli strumenti più efficaci di prevenzione e trattamento dei comportamenti a rischio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione