Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 18:24

Taranto - Esercitazione fra navi Nato e russe

Alla "Passex" in corso nel mar Jonio partecipano una fregata greca, un caccia statunitense ed un caccia ed una fregata della Federazione moscovita. Le unità militari occidentali fanno parte della Forza permanente del Mediterraneo
TARANTO - Unità navali della Nato e della Federazione Russa hanno fatto sosta a Taranto per prepararsi ad attività addestrative congiunte nel Mar Ionio.
Due navi della Forza navale Nato permanente del Mediterraneo (Stanavformed), la fregata greca (classe Elli/Kortenaer) "HS Bouboulina" (unità di bandiera della Stanavformed) ed il cacciatorpediniere (classe Arleigh Burke) "USS Mahan" hanno fatto tappa nel porto pugliese assieme al cacciatorpediniere (classe Kashin) "Smetlivy" ed alla fregata (classe Krivak) "Pytlivy", per condurre una serie di incontri preparatori ed esercitazioni.
L'esercitazione congiunta riguarda il transito delle unità (Passex). Ha lo scopo di familiarizzare le unità navali della Federazione Russa con le procedure navali Nato e consiste in attività di interoperabilità tra cui manovre cinematiche, trasferimento di personale con elicotteri, esercitazioni nelle comunicazioni e dimostrazione di attività di ispezione in mare. Lo scambio di personale contribuirà inoltre a facilitare l'interscambio di informazioni ed a consentire il mantenimento delle necessarie condizioni di sicurezza.
In preparazione per questa attività ufficiali della Nato e della Federazione Russa si sono incontrati a Souda Bay (Creta, in Grecia) il 22 e 23 novembre, dove hanno concordato il programma per la "Passex". Questa esercitazione è indipendente dalla operazione Active Endeavour, della quale la Federazione Russa non fa attualmente parte, anche se il Consiglio dei Ministri degli Esteri della Nato e della Federazione Russa nella riunione di Istanbul ha raggiunto un accordo di principio secondo cui la Federazione Russa fornirà supporto alla Operazione. Contatti sono in corso per concretizzare questa possibilità. Lo sviluppo di adeguata interoperabilità (di cui la "Passex" è l'esempio piu' recente) costituisce elemento importante di questo processo ed è stata accolta con piacere la volontà della federazione Russa di lavorare fianco a fianco con la Nato nell'affrontare le comuni sfide alla sicurezza.
La Stanavformed è stata costituita quale forza Nato di reazione immediata il 30 aprile 1992. Dalla sua attivazione ha partecipato alle operazioni svolte dalla Nato in supporto della pace in relazione alla crisi nella ex Iugoslavia e, più recentemente, alla Operazione Active Endeavour, che è il contributo marittimo della Nato alla lotta contro il terrorismo, ed al supporto fornito dalla Nato alla sicurezza dei giochi olimpici, con l'operazione "Distinguished Games". Unità navali si alternano nella partecipazione alla Forza, le cui attività di routine comprendono un intenso programma addestrativo e la partecipazione ad esercitazioni Nato e nazionali. Durante l'anno la Forza ha anche visitato numerosi porti all'interno ed al di fuori del Mediterraneo. L'attuale comandante della Stanavformed è il Commodoro Ioannis Karaiskos, della Marina Greca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione