Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 09:33

Lecce - Fondi "488": altri due arresti per truffa

Gli uomini del Nucleo Provinciale di Polizia Tributaria della Guardia di finanza hanno portato in carcere i manager di due ditte, una di Brescia ed un'altra di Reggiolo, coinvolti nella frode con altre 5 persone già catturate
LECCE - Non conosce sosta l'azione della Guardia di Finanza di Lecce nel campo della repressione delle truffe operate nel settore delle agevolazioni in base alla legge 488. Gli uomini del Nucleo Provinciale di Polizia Tributaria hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di Andrea Emilio Chiari, di Bagnolo Mella, in provincia di Brescia, rappresentante legale della società Ciemme di Montichiari, e di Francesco Sola, di Reggiolo, in provincia di Reggio Emilia, amministratore della Elmat di Reggiolo. Il reato contestato è quello di truffa sui finanziamenti ottenuti in base alla legge 488 dalla società Tema-Tecnologie Meccaniche Applicate di Lecce, già sotto inchiesta. La Guardia di Finanza ha accertato una frode che ammonta complessivamente a 3 milioni e 400 mila euro, dei quali 1 milione e 279 mila già percepiti.
A maggio del 2004 gli inquirenti sequestrarono i beni oggetto del finanziamento nell'azienda che si trova nella zona industriale del capoluogo salentino. Altri provvedimenti restrittivi hanno già riguardato Fernando Fracasso, di Parabita (Lecee), Savino Tesoro, di Ambivere (Bergamo), Angelo Cazzolla, di Copertino (Lecce), Antonio Troncone, di Lecce e Gianfranco Guerrieri, di Campi Salentina (Lecce).
Secondo le indagini, la Ciemme di Montichiari e la Elmat di Reggiolo avrebbero emesso fatture per operazioni, in tutto o in parte inesistenti, relative alla fornitura di attrezzature e macchinari per importi notevolmente superiori a quelli effettivamente corrisposti dalla Tema. L'accusa sostiene che Sola e Chiari avrebbero fornito i macchinari e le attrezzature, certificandoli come nuovi di fabbrica e invece sarebbero stati già usati. Lo avrebbero stabilito anche alcuni sopralluoghi effettuati dalla Gdf.
Il provvedimento cautelare è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecce Enzo Taurino, su richiesta del sostituto procuratore Imerio Tramis.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione