Cerca

Venerdì 19 Gennaio 2018 | 16:19

Parte la progettazione di aree parco e riserve nella provincia jonica

Positivo l'incontro dell'assessore provinciale ionico alle Aree protette, con quello regionale per definire la futura istituzione del Parco della Terra delle Gravine dell'arco ionico e della Riserva Palude La Vela • Il volo di Laerte, un giovane avvoltoio, che dalla provincia di Taranto ha raggiunto la Tunisia
TARANTO - La Regione Puglia ha assunto impegni precisi per imprimere una svolta decisamente positiva all'istituzione del "Parco della Terra delle Gravine dell'arco ionico", che interessa ampi territori dell'area occidentale tarantina, e della "Riserva Palude La Vela", ricadente in una grossa fetta del Mar Piccolo.
E' stato, quindi, positivo l'incontro dell'assessore provinciale ionico alle Aree protette, Donatella Duranti, con quello regionale, Michele Saccomanno, per definire tutti gli aspetti tecnici e burocratici per il destino dei due significativi progetti per la salvaguardia delle compatibilità e sostenibilità ecologiche dell'intera area ionica.
Particolare attenzione in Regione è stata dedicata al disegno di legge per l'istituzione del Parco, il cui primo atto dell'iter istitutivo risale al lontano febbraio del 2000 ed interessava ben tredici Comuni occidentali, che ha subito continuamente freni e rinvii, benché sollecitamente associazioni ambientaliste, WWF e Legambiente avevano approntato un documento di indirizzo e perimetrazione provvisoria.
Sollecitudine, del resto, giustificata dal fatto che nel territorio delle Gravine insite una zona di protezione speciale molto estesa e necessitante di norme tese ad evitare il degrado degli habitat naturali e di specie.

«La Regione - ha spiegato l'assessore Duranti - ha, infatti, assunto ora impegni precisi ed il 14 dicembre saranno convocate tutte le parti interessate quali le associazioni, il Comune e Provincia di Taranto, al fine di riavviare l'iter per "la Riserva Palude la Vela". Entro lo stesso mese di dicembre prossimo, inoltre, l'assessore Saccomanno ha assicurato che la giunta regionale, guidata da Raffaele Fitto, adotterà il disegno di legge per il "Parco delle Gravine".
Occorre ora vigilare - ha concluso l'assessore Duranti - per evitare il ripetersi di errori e ritardi e arrivare quanto prima all'istituzione di un parco degno di questo nome che ricomprenda all'interno tutte le sue bellezze. Ad iniziare proprio dalla gravina di Ginosa, sciaguratamente esclusa».

La Riserva Palude La Vela
La Palude La Vela è un'oasi naturale che gli esperti della materia ritengono di notevole pregio per le sue caratteristiche e per essere, pur poco distante da un grande centro urbano com'è Taranto, luogo in cui fioriscono forme di vita pressoché uniche o comunque non usuali: area naturale protetta che sorge sulle sponde del Mar Piccolo, nei pressi del Canale D'Ajedda, è meta di visitatori amanti della natura ed è anche uno dei siti di Taranto cui più di frequente vengono condotti scolari e studenti per mostrar loro, in presa diretta e non più da libri o documentari, di quali miracoli e di quale fascino è capace la natura.

Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400