Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 06:33

Foggia - Funerali nel ricordo di viale Giotto

L'omelia dell'arcivescovo ricorda la stessa tragedia, cinque anni fa. Nella cattedrale gremita, rievocate le otto vittime morte l'11 novembre nel crollo di due palazzine a Borgo Croci. Alla celebrazione presenti, oltre ai rappresentanti delle istituzioni locali, il presidente della Regione, Fitto e Pier Ferdinando Casini
FOGGIA - «L' 11 novembre eravamo riuniti proprio qui in questa chiesa per commemorare le vittime del crollo di viale Giotto, un dolore e un trauma che la città non ha ancora riassorbito. Oggi ci ritroviamo nello stesso luogo per presentare al Signore altri otto nostri fratelli». Così, con un ricordo per la tragedia, ancora vivo, di cinque anni fa nella quale morirono 67 persone, l' arcivescovo di Foggia-Bovino, mons.Francesco Pio Tamborrino ha aperto l' omelia durante i funerali per le otto vittime del crollo avvenuto il 20 novembre scorso in via delle Frasche, a Foggia.
Nella cattedrale gremita da migliaia di persone, mentre molte altre sono riunite fuori, il vescovo ha rievocato lo spettacolo «triste e desolante delle case ridotte ad un cumulo di macerie». «Casa vuol dire intimità, vita - ha detto il vescovo - le macerie che abbiamo visto ci parlano di morte e distruzione». Il vescovo ha poi ricordato, con commozione, le immagini viste in quelle ore mentre i soccorritori tentavano disperatamente di trovare alcuni superstiti, e ha parlato degli oggetti personali, delle foto, dei quadri, che venivano accantonati mentre venivano rimosse le macerie.
Mons.Tamborrino, affiancato dal vescovo di San Giovanni Rotondo, mons. D'Ambrosio, ha poi parlato del «disorientamento della mente umana di fronte a queste tragedie» ma ha invitato anche le istituzioni «ad assumere un impegno non sull' onda dell' emotività ma lungimirante per rendere le case più sicure e vivibili in certe zone della città». Le varie fasi della celebrazione funebre sono accompagnate dal coro della chiesa di San' Anna, la parrocchia del quartiere Borgo Croci di cui
facevano parte tutte le vittime.

Sono incominciati con l'elenco delle persone defunte nel crollo i funerali che si stanno svolgendo nella cattedrale di Foggia e che sono officiati dal vescovo di Foggia e Bovino, mons. Francesco Pio Tamburrino. Sull'altare anche il vescovo di Manfredonia, San Giovanni Rotondo e Vieste Domenico D'Ambrosio fino allo scorso anno vescovo di Foggia e padre Gian Maria Cocomatti, del santuario Maria delle Grazie di San Giovanni Rotondo. In chiesa è giunto anche il sindaco di Bari Michele Emiliano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione