Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 20:25

«Signs», happening del lusso a Bari

Una serata dalle mille sfaccettature tante quante ne hanno pietre preziose e diamanti e che si tramuterà in una mostra unica in Italia con gioielli da sogno
BARI - «Signs 2004» era un evento che molte città in Italia si contendevano. Finché la scelta è ricaduta sul Mezzogiorno e qui su Bari, tra le poche città del Sud a possedere la sensibilità, l'eleganza e il fascino per fare da padrona di casa ad un evento all'insegna della bellezza.
Una serata dalle mille sfaccettature tante quante ne hanno pietre preziose e diamanti, protagonisti assoluti del Galà che il 26 novembre, alle 21.00 al Palace Hotel di Bari, riunirà autorità locali, esponenti del mondo della cultura, dell'arte, dell'imprenditoria.
Oggetto della mostra gioielli ed orologi che prima di Bari solo i saloni di Ginevra e Basilea avevano ospitato. Pezzi unici e rari che il pubblico potrà ammirare nel capoluogo pugliese per soli tre giorni (26-27-28 novembre) prima che muovano alla volta delle vetrine delle più famose strade del mondo.
Alla sua prima edizione «Signs 2004» offre a Bari l'opportunità di presentare gioielli e orologi di 25 tra le case più prestigiose, riunite per la prima volta in un unico evento dal Gruppo Mossa Gioiellieri, da decenni leader nel settore dell'arte orafa.

Non una fiera, non un salone, ma un happening, un evento per testimoniare l'attenzione che l'industria internazionale orafa dedica alla Puglia, seconda regione del Sud, dopo la Campania, per consumo di beni di lusso. Prova ne sarà la presenza di nomi come Frederique De Narp (Direttore generale Cartier), Roberto Beccari (Amministratore Delegato Lvmh Watch e Jewellery Italia e Brand Manager Tag Heuer), Andrea Moschini, (Direttore Generale Zenith), Marco Piola (Brand Manager Christian Dior), a Bari anche per informare sul trend dell'alta gioielleria negli ultimi anni.

«Signs 2004» è l'evento pensato per accendere al sud i riflettori sul settore orafo, per avvicinarlo al pubblico. Una esposizione di oggetti unici, di una bellezza che basti agli occhi ammirare benché la vanità faccia di tutto per possedere.
Gran Galà di inaugurazione venerdì 26 novembre in compagnia di ospiti e testimonial d'eccezione. Tra questi Michele Mirabella, Anna Valle, Marco Liorni, Loredana e Raffaella Lecciso e l'inconfondibile voce di Simona Bencini (ex cantante dei Dirotta Su Cuba).

La mostra, che resterà aperta al pubblico fino a domenica 28, trasformerà cinque sale del Palace Hotel in un itinerario magico e seducente di musica e colori attraverso cui ammirare singolari ingranaggi e gioielli dal design esclusivo. Uno spazio particolare sarà riservato all'esposizione dei diamanti. «Signs 2004» è stato concepito come un appuntamento annuale per Bari, con l'obiettivo di diventare punto di riferimento del Mezzogiorno nel settore dell'arte orafa e dell'orologeria e in grado di attirare nel capoluogo ogni anno nomi importanti del mondo della cultura, della moda, dello spettacolo come già accade in altre manifestazioni italiane. Più di 800 gli ospiti attesi.
«L'incontro tra spettacolo, moda e cultura che abbiamo voluto per il battesimo di "Signs 2004" - afferma la responsabile della comunicazione del Gruppo Mossa, Viviana Mossa - è segno di gratitudine per la professionalità di quanti lavorano con la nostra famiglia e al tempo stesso omaggio ad una città come Bari e ad un territorio custodi delle nostre radici e sempre partecipi e pronti a recepire stili e tendenze».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione