Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 18:36

Ferrovie: raddoppia il binario tra Bitonto e Ruvo

Il piano di potenziamento infrastrutturale prevede ulteriori servizi di Ferrotramviaria che dovrebbero partire nel primo trimestre del 2005
BARI - Dodici corse giornaliere in più, quattro nuovi elettrotreni (ai quali se ne aggiungeranno altri 10 in un secondo momento) e l'ulteriore potenziamento infrastrutturale della tratta: sono i nuovi servizi che entro il primo trimestre del 2005 che Ferrotranviaria (la società che gestisce in concessione le ferrovie del nord barese, lungo la tratta Bari-Barletta) avrebbe deciso di attivare. Il primo atto di questo piano è stato compiuto oggi con l'inaugurazione del raddoppio del binario ferroviario tra Bitonto-Ruvo da parte del presidente della Regione Puglia, Raffaele Fitto. La cerimonia si è tenuta alla stazione di Terlizzi, da dove è partito un breve viaggio inaugurale di uno dei nuovi elettrotreni. Hanno partecipato anche il sindaco, Lorenzo Di Tria, e l'amministratore delegato di Ferrotramviaria, Enrico Maria Pasquini.
Il raddoppio della tratta Bitonto-Ruvo (cui seguirà quello tra Bitonto e Palese-Lamasinata fino a raddoppiare tutta la Bari-Barletta) è stato finanziato con fondi comunitari del programma operativo plurifondo '94 -'96 (circa 40 miliardi di lire).
Da segnalare una serie di altri interventi: la circolazione su doppio binario è regolata dai nuovi apparati centrali di Bitonto, Terlizzi e Ruvo; tutti i passaggi a livello della tratta sono stati soppressi o resi automatici; i piazzali interni delle stazioni di Terlizzi e Ruvo e della fermata di Sovereto sono stati ampliati e sono stati realizzati sottopassaggi per l'accesso ai binari; a Ruvo è stata installata una nuova sottostazione elettrica, dotata di un sistema di telecomando e telecontrollo.
La circolazione dei treni sul doppio binario consente di ottenere un più elevato standard del servizio con riduzione dei tempi di percorrenza ed una maggiore puntualità. E' inoltre previsto anche l'aumento delle corse giornaliere che nel 2005 passerebbero da 40 a 52. Si cercherà quindi, di potenziare le fasce orarie più utili ai pendolari.
Soddisfazione per l'iniziativa è stata espressa da Fitto che ha precisato come l'intervento si inserisca in un più ampio progetto di potenziamento infrastrutturale dei trasporti su rotaia. «Abbiamo un percorso già definito all'interno del programma quadro sottoscritto con il governo centrale - ha detto - con il quale, nel coordinamento delle risorse comunitarie, nazionali e regionali è previsto il prosieguo di questa opera e il suo completamento». Fitto, che ha partecipato al viaggio inaugurale da Terlizzi a Ruvo, ha anche espresso apprezzamento per il livello tecnologico dei nuovi treni. «Si tratta di un intervento molto positivo - ha aggiunto - perché oltre alla dotazione infrastrutturale dal punto di vista tecnologico sono stati fatti sicuramente notevolissimi passi in avanti».
Le vetture, realizzate dalla società Alstom, sono concepite appositamente per il trasporto ferroviario regionale e sono progettate per garantire grande conforto ai passeggeri ed elevate dotazioni di sicurezza. La Ferrotramviaria gestisce in concessione il trasporto pubblico nel nord barese su un territorio di 1.400 chilometri quadrati, per un bacino di utenza di circa 800.000 abitanti. La linea ferroviaria Bari-Barletta è lunga 70 chilometri e collega i comuni di Bari, Bitonto, Terlizzi, Ruvo, Corato, Andria e Barletta.
I nuovi elettrotreni bidirezionali Alstom sono in grado di trasportare 140 passeggeri seduti e 296 in piedi e possono raggiungere una velocità massima di 110 chilometri orari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione