Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 01:10

Stato di calamità naturale per Castellaneta

La richiesta è stata inviata dal sindaco, Andrea Nicoletti, al Presidente della Regione Puglia ed al Prefetto di Taranto, con la quantificazione degli ingenti danni subiti dal comparto agricolo, circa 3 milioni di euro
CASTELLANETA (TA) - Il Sindaco, Andrea Nicolotti, ha chiesto ufficialmente oggi il riconoscimento dello stato di calamità naturale, in seguito al nubifragio abbattutosi sul versante jonico nell'ultimo weekend e che ha colpito maggiormente l'intero territorio di Castellaneta.
La richiesta è stata inviata al Presidente della Regione Puglia, Raffaele Fitto, ed al Prefetto di Taranto, Giancarlo Ingrao, con la quantificazione degli ingenti danni subiti dal comparto agricolo e le sue strutture ed ammontanti, secondo le prime stime, a circa 3 milioni di euro.
<L'obiettivo del Comune è garantire la sicurezza alle vie poderali, che attraversano le campagne allagate in seguito alla pioggia di venerdì e sabato scorsi, ma anche ai diversi abitati della cittadina che sono stati invasi dall'acqua.
I tecnici comunali e quelli del Genio Civile hanno verificato che i danni maggiori si sono registrati alla Marina di Castellaneta, colpita anche dalla furia del fiume Lato che ha tracimato, ed alle contrade di Lama, Gaudella, Montecamplo e Mater Christi.
«La nostra speranza per risollevare lo stato delle campagne - ha evidenziato il Sindaco - è quanto prima possano arrivare i fondi per circa 1,5 milioni di euro già stanziati dal Governo per l'alluvione del 2003».
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione