Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 20:57

Decreto per i danni causati dal maltempo

Il Ministro per le Politiche agricole, Gianni Alemanno, ha reso noto che le risorse per sostenere gli agricoltori del Metapontino, danneggiati dai nubifragi dei giorni scorsi, saranno reperite dalla legge 185 sulle calamità naturali. Sia la Puglia sia la Basilicata hanno chiesto al governo il riconoscimento dello stato di emergenza
ROMA - Il Ministro per le Politiche agricole, Gianni Alemanno (An), ha reso noto che le risorse per sostenere gli agricoltori del Metapontino, danneggiati dai nubifragi dei giorni scorsi, saranno reperite dalla legge 185 sulle calamità naturali e garantite dal un decreto legge che sarà approvato dal prossimo Consiglio dei Ministri.
Lo ha annunciato il consigliere del Ministro per i problemi agricoli della provincia di Matera, Corrado Arfò, che aveva informato Alemanno degli ingenti danni subiti dalle colture agricole.
Sia la Puglia sia la Basilicata hanno chiesto al governo il riconoscimento dello stato di emergenza a seguito dell'ondata di maltempo dall'11 al 14 novembre scorso. Lo hanno deciso le rispettive giunte regionali.
In Puglia il nubifragio ha colpito soprattutto i paesi della fascia jonica, dove l'acqua ha raggiunto i sessanta centimetri di altezza, provocando l'allagamento di abitazioni, scantinati e locali commerciali e bloccando vari tratti della circolazione stradale e ferroviaria sulle linee delle Sud Est. La stazione pluviometrica di Gallipoli ha registrato una pioggia di circa 195 di acqua nelle 24 ore del 13 novembre, superiore al massimo storico di 184 millimetri, registrato su circa 40 anni di osservazione. Le abbondanti precipitazioni atmosferiche e il forte vento, secondo la regione, hanno provocato danni in gran parte del territorio, cosa che ha costretto l'ente a richiedere alla Presidenza del Consiglio dei ministri finanziamenti straordinari per l'attuazione degli interventi immediati conseguenti alla dichiarazione dello stato di emergenza. Secondo gli uffici «le prolungate ed intense precipitazioni piovose, cadute incessantemente sin dalla notte tra l'11 ed il 12 novembre, hanno provocato una situazione di generale emergenza, stante i diffusi allagamenti con conseguenti danni in corso di quantificazione e gravissimi disagi per la popolazione».
In Basilicata lo stato di emergenza dovrebbe riguardare sia le zone della fascia jonica, ai confini con la Puglia, sia la città di Matera e gli altri comuni del Materano colpiti. Ieri, a Matera, il Capo della protezione civile, Guido Bertolaso, aveva annunciato che avrebbe chiesto lo stato di emergenza per le aree della Basilicata danneggiate, in una riunione alla quale aveva partecipato anche il Presidente della Giunta regionale, Filippo Bubbico (Ds). Quest' ultimo - secondo quanto reso noto dall' ufficio stampa della Giunta regionale - formalizzerà nelle prossime ore al Governo la richiesta di stato di dichiarazione di stato di emergenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione