Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 23:56

Ostaggi italiani in Iraq, ora s'indaghi sulla «Dts»

Il tribunale del Riesame di Roma suggerisce alla Procura di Bari di spostare le indagini sulla società Dts, con sede in Nevada, per la quale lavoravano gli ex ostaggi. La relazione della Procura barese era finita al Csm; la bufera per il provvedimento con il quale il Gip De Benedictis definì «mercenari» gli ex ostaggi italiani
BARI - La necessità di indagini sulla società Dts con sede in Nevada (Usa) - per la quale avrebbero lavorato alcuni cittadini italiani, tra cui i quattro ex ostaggi italiani in Iraq Umberto Cupertino, Maurizio Agliana, Salvatore Stefio e Fabrizio Quattrocchi (quest'ultimo ucciso durante la prigionia) - è stata suggerita alla Procura di Bari dal Tribunale del Riesame del capoluogo.
E' quanto emerge dalle motivazioni dell'ordinanza del Tribunale che il 18 ottobre scorso ha annullato il provvedimento del gip Giuseppe De Benedictis che poco tempo prima aveva imposto il divieto di espatrio a Giampiero Spinelli, il trentenne di Sammichele di Bari indagato per concorso in 'arruolamenti o armamenti non autorizzati a servizio di uno Stato estero' (articolo 288 codice penale).
In sostanza nel loro provvedimento (le cui motivazioni sono state depositate il 29 ottobre) i giudici del Riesame sostengono che per poter contestare il reato di arruolamento a servizio di uno Stato estero è necessario provare che la società che ha arruolato in Iraq cittadini italiani sia pubblica o a partecipazione pubblica, oppure riconducile, anche per i soli finanziamenti ricevuti, ad una società pubblica. Tra l'altro si vuol capire se la Dts fosse in qualche modo riconducibile alla Cpa, l'autorità provvisoria della coalizione. Solo in quel caso - evidenziano in sostanza i giudici - è possibile contestare il reato previsto dall'art.288.
Per compiere gli accertamenti indicati dal Riesame è ipotizzabile - a quanto si sa - che il procuratore aggiunto inquirente, Giovanni Colangelo, chieda una rogatoria internazionale agli Stati Uniti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione