Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 00:26

Un gemellaggio fra Trani ed Ischia

Sabato 30 ottobre una delegazione ufficiale della città pugliese sarà in Campania per suggellare l'apparentamento. Intorno al 1600 un'emigrazione di tranesi nell'isola. Una scoperta della scrittrice Francesca Sparno
TRANI - Trani ed Ischia diventano città gemelle. Lo storico gemellaggio verrà sancito sabato 30 ottobre quando una delegazione comunale - capeggiata dal sindaco di Trani, Giuseppe Tarantini, della quale fa parte anche la scrittrice Francesca Sparno - partirà alla volta di Ischia per incontrare e formalizzare questo rapporto di amicizia con il sindaco della città campana, Giuseppe Brandi.
La cerimonia avverrà alle ore 11 presso la sala consiliare del Comune di Ischia e si concluderà con la firma congiunta dei due sindaci su un'apposita pergamena.
Si tratta di un evento storico a cui da diverso tempo stava lavorando proprio Francesca Sparno, la scrittrice tranese di origini avellinesi.
L'idea del gemellaggio è arrivata ad aprile del 2003 dalla mente della scrittrice, quando, presentando ad Ischia il romanzo "Un atto d'amore", notò la presenza cospicua di cognomi "Trani" su insegne, portoni, palazzi. Non si trattava di una semplice casualità: ricerche accurate hanno portato alla scoperta che, su 1036 famiglie italiane denominate "Trani", ben 300 si trovano proprio ad Ischia. All'origine di questa particolarità vi è il trasferimento, intorno al 1600, dei discendenti di antenati tranesi nel golfo di Napoli, dovuto essenzialmente a motivi di lavoro, per la pesca, per il commercio o per la coltivazione della vite.
Questa colonia piuttosto nutrita di tranesi esportò a Ischia, non solo prodotti, ma anche il nome della città da cui provenivano, dando vita così ad una dinastia di "Trani" tuttora presente sull'isola.
Da l'idea del gemellaggio, per rinsaldare quel rapporto di scambi, economici e culturali, che ha da sempre unito le due città, soprattutto nei secoli scorsi.
Paolo Pinnelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione