Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 04:17

Lo uccide perché pretendeva il pizzo

Il pregiudicato Leonardo Di Tommaso, 38 anni, ammazzato con colpi di arma da fuoco. Sembra dal titolare di una concessionaria di auto oppostosi al pagamento di 1.000 euro al mese
CERIGNOLA (FOGGIA) - Il pregiudicato Leonardo Di Tommaso, detto «Taddone», di 38 anni, è stato ucciso con alcuni colpi di arma da fuoco. Il corpo dell'uomo è stato trovato sulla strada che conduce a Trinitapoli. Sarebbe stato ucciso da un concessionario di automobili, stanco di pagare il pizzo. L'ipotesi non viene per il momento confermata dai carabinieri del comando provinciale di Foggia. In base a questa notizia, il commerciante, di 41 anni, si sarebbe opposto alla richiesta di pagare mille euro al mese in cambio di protezione ed avrebbe sparato numerosi colpi di pistola contro il pregiudicato, nella strada antistante alla concessionaria. Si sarebbe poi costituito ai militari. Ma anche su questo particolare l'Arma non commenta né smentisce.
Il Provveditorato regionale del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria ha reso noto che Di Tommaso il 3 maggio scorso era stato scarcerato per revoca della misura di sicurezza detentiva e dal 7 maggio era stato sottoposto ai vincoli della misura di prevenzione della sorveglianza speciale della P.S. che prevede la scarcerazione automatica del condannato e non può essere paragonata a misura alternativa alla detenzione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione