Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 20:25

La Fiera del Levante porta in Romania 50 aziende italiane dell'agroalimentare

La Fiera del Levante coordinerà 50 marchi italiani dell'agroalimentare ad Indagra, mostra internazionale dell'agroindustria dal 3 al 7 novembre a Bucarest
BARI - Coordinati dalla Fiera del Levante, 50 marchi italiani dell'industria agricola ed agroalimentare si presenteranno ai buyers rumeni, nella nona edizione di Indagra, la mostra internazionale dell'agroalimentare e dell'agroindustria, che si terrà dal 3 al 7 novembre prossimi nel quartiere fieristico di Bucarest.
Si tratta della terza tappa del circuito fieristico inaugurato dall'ente barese con una presenza espositiva di aziende italiane lo scorso maggio in Serbia e proseguito con un'analoga presenza in Macedonia a giugno. Ultimo degli appuntamenti per ora previsti è a febbraio 2005, con la partecipazione alla fiera bulgara Agra.
Obiettivo della Fiera del Levante è quello di sostenere le aziende nazionali del comparto agricolo e agroindustriale nel processo di internazionalizzazione. Per questo è stata scelta la vetrina di Indagra, che è una delle fiere specializzate più grandi e note di tutta l'area balcanica. La scorsa edizione della manifestazione ha visto la presenza di 475 espositori di 25 Paesi, su una superficie di 23.000 metri quadri ed è stata visitata da oltre 30.000 operatori.
Per la Fiera del Levante, il potenziamento della penetrazione commerciale italiana in Romania, soprattutto nel comparto agroindustriale, è agevolato da alcuni elementi. L'Italia è di gran lunga il primo partner commerciale del Paese balcanico, di cui assorbe il 22,14% delle esportazioni e che rifornisce con il 18,18% delle importazioni (dati relativi al primo semestre 2004, fonte Ice). Tra i prodotti che esercitano un maggior potere di attrazione per i consumatori rumeni vi sono proprio quelli agroalimentari, anche perchè l'agroindustria rumena sconta una lunga crisi legata all'arretratezza delle tecnologie di coltivazione e di trasformazione.
Quella del prossimo novembre - si spiega in una nota della Fiera del Levante - sarà la quarta partecipazione a manifestazioni fieristiche rumene dal 2002.
Quest'anno l'area espositiva, caratterizzata da un'immagine coordinata e situata nel padiglione 1, sarà animata da imprese operanti in diversi comparti dell'agroindustria. Tra i produttori italiani in mostra - è detto nella nota - «figurano quelli di attrezzature per l'irrigazione e l'agricoltura (come Imperatore & Smaldini, Laserjet della provincia di Vicenza, Air Gama), di biotecnologie per gli allevamenti (come Semenzoo Italy di Reggio Emilia), di tecnologie per il sottovuoto (come Orved della provincia di Venezia), di pasta fresca, condimenti, olio, vino e prodotti da forno (come Labbate e i consorzi Paese del Sole e Omega)». «Alcuni di questi imprenditori - si conclude nella nota - tornano in Romania per consolidare i propri mercati, altri vi si affacciano per la prima volta grazie all'opportunità particolarmente vantaggiosa offerta dalla Fiera del Levante, che propone un pacchetto di servizi a costi estremamente contenuti: tra gli altri, oltre allo stand, la realizzazione di incontri mirati con potenziali compratori e partner e l'assistenza logistica e al disbrigo delle pratiche doganali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione