Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 17:29

Brindisi - Traffico di carburante dalla Grecia

55.000 litri di nafta avrebbero dovuto raggiungere il Portogallo ma, secondo gli investigatori, sarebbero finiti in alcune pompe cittadine per la distribuzione del carburante con la complicità di alcuni distributori
BRINDISI - Militari della Guardia di finanza hanno scoperto a Brindisi un traffico illecito di nafta per autotrasporto che veniva contrabbandata dalla Grecia. Sono stati sequestrati 55.000 litri di nafta, che erano in due grosse cisterne sbarcate due giorni fa da un traghetto nel porto di Brindisi e parcheggiate in un deposito all'interno del porto in attesa della motrice. I militari hanno denunciato tre persone.
A quanto si è saputo, dai documenti risultava che la nafta per autotrazione avrebbero dovuto raggiungere il Portogallo ma, secondo gli investigatori, sarebbe finita in alcune pompe cittadine per la distribuzione del carburante con la complicità di alcuni distributori.
Le persone denunciate sono gli autisti e il titolare del deposito, tutti della provincia di Brindisi, che sono accusati di frode e truffa allo Stato per aver evaso le imposte su carburante per un valore di 60.000 euro.
I finanzieri sono riusciti a scoprire l'illecito traffico dopo una serie di accertamenti e di appostamenti alla società della provincia di Brindisi che avrebbe avuto l'incarico di trasportare il gasolio in Portogallo. I militari hanno seguito le autocisterne individuando così il deposito dove avveniva la consegna del carburante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione