Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 22:15

Telecardiologia: in Puglia la prima unità

Grazie alla collaborazione tra la Regione Puglia e l'azienda farmaceutica americana Pfizer, da ottobre le 134 autoambulanze del 118 saranno dotate di strumenti che consentiranno di trasmettere a distanza l'elettrocardiogramma
ROMA - La Puglia sarà la prima Regione in Italia ad essere dotata di un servizio di telecardiologia: lo prevede un modello innovativo di collaborazione tra pubblico e privato nella gestione della Sanità, chiamato «Progetto Leonardo» e voluto dalla Regione Puglia e dall'azienda farmaceutica americana Pfizer. Oltre al servizio di telecardiologia, l'accordo prevede che la Pfizer collabori con l'Agenzia regionale per la sanità (Ares) per vari altri interventi con un investimento complessivo da parte dell'azienda farmaceutica di oltre due milioni di euro.
Il progetto regionale di telecardiologia, presentato stamani, partirà in Puglia in collaborazione con il servizio di emergenza 118: dal prossimo primo ottobre le 134 autoambulanze del 118 saranno infatti dotate di strumenti che consentiranno di trasmettere a distanza, utilizzando un telefono fisso o mobile, l'elettrocardiogramma fatto dagli operatori sanitari proprio nel luogo dove il paziente viene soccorso.
Questo progetto è il punto centrale della partnership, che avrà una durata di tre anni, costituita tra la Regione Puglia e la Pfizer, senza alcun costo per l'Ente pugliese. L' iniziativa 'Progetto Leonardò, è stata presentata stamani nella sede di Roma della Regione Puglia dal presidente della giunta regionale pugliese, Raffaele Fitto, dal presidente della Pfizer, Oluf Olsen, dal direttore generale dell'Ares, Mario Morlacco, e dalla presidentessa della fondazione Pfizer, Maria Pia Ruffilli.
Fitto ha fatto riferimento alla modifica del Titolo quinto della Costituzione che ha individuato la Sanità quale materia nella quale Stato e Regioni hanno competenza concorrente e ha sottolineato l'impegno della Regione Puglia nel settore: «Questo nuovo atteggiamento - ha detto - questa diversa responsabilità la Regione Puglia ha voluto ricercare anche nel settore privato per stabilire un dialogo».
Il progetto Leonardo oltre al servizio di telecardiologia, prevede una collaborazione con l'Ares soprattutto per migliorare l'assistenza ai malati cronici e per elaborare, sempre con l'Ares, iniziative per combattere la depressione nell'adulto e nel bambino. Un quarto obiettivo è quello di costituire un gruppo di esperti per applicare nuove metodologie e tecnologie nella gestione delle malattie a più ampio impatto sociale come l'ipertensione, il diabete e lo scompenso cardiaco.
Si tratta, quindi, di un vero e proprio piano di cooperazione che sarà avviato nel territorio pugliese che imposti, appunto, programmi di prevenzione, di gestione delle principali patologie, di formazione degli operatori sanitari e di iniziative di prevenzione rivolte alla popolazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione