Cerca

Giovedì 18 Gennaio 2018 | 14:51

Puglia - Il Sud rallenta la fase di recupero

Secondo l'indagine mensile dell'Osservatorio regionale banche-imprese agosto ha fatto segnare nelle imprese una perdita di vigore della domanda e dell'attività produttiva
BARI - Il mese di agosto ha fatto segnare nelle imprese una perdita di vigore della fase di recupero della domanda e dell'attività produttiva rilevata dal settembre 2003. Ne deriva che tali andamenti non sono ancora sufficienti a riportare le due variabili su valori ritenuti soddisfacenti dagli imprenditori meridionali.
Lo rileva l'indagine rapida mensile compiuta dall'Osservatorio regionale banche-imprese di economia e finanza secondo la quale nel Mezzogiorno «la debole evoluzione congiunturale ha esteso i propri effetti anche al mercato del lavoro, caratterizzato da un'ulteriore flessione della manodopera rispetto al mese precedente; la contrazione della base occupazionale, tuttavia, si concentra esclusivamente nell'industria in senso stretto, a fronte di una stazionarietà nell'Ict e di un andamento favorevole nelle imprese delle costruzioni».
In particolare, in Puglia «malgrado una domanda e dei ritmi produttivi in leggero aumento rispetto a luglio, sia la consistenza del portafoglio ordini accumulato presso le imprese interpellate sia l'attività di produzione, sono state giudicate ancora su livelli insufficienti, con riflessi negativi anche sulla dinamica occupazionale». Positivamente impostate risultano tuttavia le aspettative per i prossimi tre mesi dato il recupero atteso per tutte le variabili. A livello settoriale si rileva - è scritto nel rapporto - un consuntivo decisamente peggiore per l'industria in senso stretto; pur in presenza di un livello della produzione ancora inadeguato, appare invece consistente il recupero delle costruzioni. L'evoluzione dell'occupazione è stata in flessione per l'industria in senso stretto e l'Ict, e leggermente in crescita per le costruzioni.
Il portafoglio ordini totale è stato valutato su livelli normali dal 78% dei partecipanti all'indagine, con un saldo che vede prevalere le indicazioni di livelli bassi di sette punti percentuali (saldi equivalenti per le due componenti della domanda). A livello settoriale sono le imprese dell'industria in senso stretto che presentano i risultati peggiori (saldo -11). Valutazioni favorevoli si osservano per le costruzioni (saldo +1, a fronte di un saldo nullo per l'Ict). Rispetto al mese di luglio il 74% degli interpellati non ha registrato variazioni e le indicazioni di aumento superano quelle di diminuzione di 7 punti (saldi +6 e +10 rispettivamente per gli ordini interni ed esteri). Spunti positivi sono segnalati per i prossimi tre mesi dal 34% degli operatori della regione interpellati con un saldo che supera di 27 punti le attese di diminuzione ed in presenza di attese di invarianza attestate sul 56% delle risposte.
In sintonia con l'andamento degli ordini l'attività di produzione è stata considerata su livelli normali dal 79% degli imprenditori con un saldo negativo di sette punti. Le valutazioni sfavorevoli si concentrano nel settore delle costruzioni e, soprattutto, nell'industria in senso stretto (saldi rispettivamente pari a -3 e -11). Rispetto al mese precedente il saldo, positivo di 9 punti, si associa al 73% di indicazioni di invarianza. Il probabile aumento del flusso degli ordinativi atteso per i prossimi tre mesi porta il 35% degli intervistati a stimare anche la produzione in aumento con un saldo positivo di 28 punti.
I risultati di produzione e domanda non riescono però ad incidere positivamente sull'andamento della manodopera, valutata stabile dall'86% degli imprenditori pugliesi. Il saldo è tuttavia negativo i 2 punti percentuali. Il miglioramento delle aspettative per i prossimi tre mesi per ordini e produzione dovrebbe avere riflessi positivi anche sull'occupazione, attesa invariata dal 76% degli interpellati ma con un saldo che tornerebbe positivo di 10 punti. Particolarmente dinamico appare in questo contesto il settore delle costruzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400