Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 14:58

C'è Grottaglie nella «Mostra della Ceramica 2004»

Sarà presentato al Castello Episcopio di Taranto il Catalogo della Mostra della Ceramica Ligure 2004, tema "Bianco e Blu", uno dei dodici eventi nell'ambito di «Genova 2004 Capitale Europea della Cultura». Curatrice dell'opera Daniela De Vincentis, responsabile del Museo grottagliese della ceramica
GROTTAGLIE (TA) - Sarà presentato al Castello Episcopio, alle ore 19, il Catalogo della Mostra della Ceramica 2004, che ha avuto per tema "Il Bianco e il Blu" per rendere omaggio all'evento internazionale che vede "Genova, Capitale europea della Cultura".
Con questo appuntamento nel tradizionale scenario del Castello medievale cittadino, la Mostra, inauguratasi lo scorso 1° agosto, chiuderà i battenti dell'edizione 2004.
«Nel catalogo che sarà presentato - spiega Daniela De Vincentis, curatrice dell'opera e responsabile del Museo grottagliese della ceramica - si esalta la raccolta dei manufatti della ceramica ligure "Bianco-Blu". Nella documentazione storica, è presente anche un altro aspetto della mostra: quello mitologico della donna-pesce, le sirene. Nella raccolta, inoltre, sarà riservato ampio spazio anche alla Ceramica di Malta e a tutta la documentazione dedicata all'XI Concorso di Ceramica Mediterranea, con oltre settanta opere in gara. Le 180 pagine del catalogo, inoltre, documenteranno storicamente questa importante ripresa del Concorso di Ceramica Mediterranea di Grottaglie e della varietà iconografica e morfologica della ceramica nazionale e mediterranea».
Alla cerimonia, oltre le autorità cittadine, sarà presente Salvatore Abita, Soprintendente per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico della Puglia.
Nell'occasione saranno premiati i vincitori dell'XI Concorso di Ceramica Mediterranea. L'opera vincitrice, per la Sezione Ceramica Artistica, quest'anno è stata giudicata quella dell'artista Carla Lega di Faenza, seguita da Lucio Liguori di Vietri sul Mare.
Per la Sezione Design, invece, la giuria ha premiato Giovanni Lenti di Treviso e Domenico Pinto di Grottaglie. La menzione speciale, invece, è stata riservata alle opere "Totem" di Romeo Leone di Taranto e il "Piatto" dello Studio 3M di Grottaglie nelle sezioni design. Sono state segnalate, infine, le opere di: Geco Generi Contemporanei di Francesco e Antonio Spagnulo di Grottaglie, Gaspare Cascio di Sciacca, Tonino Negri di Lodi ed Alessandro Mautone di Cava dei Tirreni.

Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione