Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 16:50

S. Giovanni Rotondo - Una novena per la pace

Dal 14 al 22 settembre, in onore di San Pio da Pietrelcina, su iniziativa dei francescani Cappuccini una serie di celebrazioni con 9 vescovi e una veglia per ricordare la morte del frate canonizzato da Giovanni Paolo II
FOGGIA - Il tema della pace nel mondo sarà al centro della veglia del 22 settembre a San Giovanni Rotondo, la festa liturgica che si celebra nell'anniversario della morte di Padre Pio, canonizzato da Giovanni Paolo II il 16 giugno di due anni fa. Un cardinale, sei arcivescovi e un vescovo-coraggio presiederanno, quest'anno, le Celebrazioni Eucaristiche della sera, nella nuova chiesa di San Pio da Pietrelcina, a San Giovanni Rotondo, nella novena in preparazione alla festa liturgica.
Comincerà il 14 settembre mons. Piero Marini, arcivescovo titolare di Martirano, maestro delle Celebrazioni liturgiche pontificie. Seguiranno, giorno per giorno, mons. Antonio Riboldi, vescovo emerito di Acerra; mons. Yannis Spiteris, arcivescovo metropolita di Corfù e amministratore Apostolico di Tessalonica; mons. Edward Nowak, arcivescovo titolare di Luni e segretario della Congregazione cause dei Santi; mons. Giampaolo Crepaldi, arcivescovo titolare di Bisarcio e segretario del Pontificio Consiglio giustizia e pace; card. Sergio Sebastiani, presidente della Prefettura degli affari economici della Santa Sede; mons. Paul Joseph Cordes, arcivescovo titolare di Naisso e presidente del Pontificio Consiglio "Cor Unum"; mons. Domenico Umberto D'Ambrosio, arcivescovo di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e delegato della Santa Sede per il santuario e le Opere di Padre Pio; mons. Emery Kabongo Kanundowi, arcivescovo emerito di Luebo e canonico della Patriarcale Basilica Vaticana.
La novena culminerà, la sera del 22 settembre, con la tradizionale veglia di preghiera, che comincerà alle 18 e terminerà alle 2 del giorno seguente, alla quale è previsto partecipino circa 30-40 mila persone. Quest'anno si svolgerà per la prima volta sul sagrato della nuova chiesa, progettata da Renzo Piano. Si pregherà per la pace - informano i Cappuccini - e si chiederà l'intercessione di Padre Pio, «sull'esempio di Giovanni Paolo II che, al termine del Regina Coeli del 2 maggio 1999, giorno della beatificazione, concluse il suo discorso con un'invocazione: "Padre Pio, figlio amatissimo della "Regina del cielo", interceda per noi e per tutti, perché dal cuore degli uomini sgorghino sentimenti di perdono, di riconciliazione e di pace"».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione