Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 04:11

Vacanze - In Puglia è gestione selvaggia

La denuncia dell'Adoc. «Se non abbiamo fatto male i nostri calcoli - stigmatizza Salamon - ci troviamo di fronte ad un aumento del 175%»
BARI - Sulle vacanze salate quest'anno s'è detto tanto, secondo le statistiche c'è stato un costo medio per soggiorno di 737 euro. E gli italiani se ne sono anche accorti a proprie spese. La Puglia non ha fatto eccezione e ora l'Adoc ci fornisce i dati di una sua indagine secondo cui «la nostra regione si colloca al di sopra, nonostante un incremento medio che noi dell'Adoc Puglia indichiamo intorno al 10% per le strutture alberghiere a 4 stelle».
«Ma ciò che ci ha impressionati sfavorevolmente - sottolinea Pino Salamon - è la diffusa diversificazione dei prezzi praticati nei vari periodi proposti e che, sostanzialmente, non corrispondono più ad una bassa, media ed alta stagione».
Esemplificando, da un minimo di 329 ad un massimo di 721 €, a persona, per una pensione completa in un albergo che si affaccia sullo Jonio, nel basso Salento. E l'incremento maggiore, del 70%, viene circoscritto all'interno delle settimane che vanno dalla metà di giugno alla terza di agosto.
Ma il fenomeno è purtroppo generalizzato: nella zona di Castellaneta Marina, c'è un hotel che registra un incremento del 17% dal 31/7 al 14/8 sulla settimana precedente, ed aggiunge un ulteriore 8,5% per quella del 14/21 agosto quando una persona, sempre per una pensione completa, spende 893 € (la tariffa più alta) in camera doppia, ma non «all inclusive», ma lontano dai 325 € iniziali indicati per il periodo che va dal 29/5 al 5/6.
«Se non abbiamo fatto male i nostri calcoli - stigmatizza Salamon - ci troviamo di fronte ad un aumento del 175%. Ma nemmeno Capitolo (Monopoli) scherza perché, anche qui, si passa dagli iniziali 310 ai 660 € di agosto. E nel Fasanese, il sito di un'altra struttura, a 5 stelle, indica che servono minimo 80 e massimo 250 € al giorno, sempre per una pensione completa, insieme alla disponibilità delle sue attrezzature».
Decisamente inspiegabile, per l'associazione, l'altalena continua dei prezzi.

Stesso discorso anche per i bungalow. «In un villaggio a 3 stelle sul Gargano, si chiedono dai 128 ai 294 € pro-capite, per una struttura che può ospitare tre persone. E se ci si prende la soddisfazione di leggere l'intera tabella, si scopre che ogni gruppo di bungalow è contraddistinto con una denominazione propria ma sempre con un prezzo differente per la diversa dislocazione. Si tratta di una manciata di euro, ma sempre diversi uno dall'altro.
«Se si vuole essere più indipendenti, per un trullo, alla periferia di Martina Franca, oltrepassata la zona industriale, sono stati chiesti 1.020 € a sei persone, nella settimana dal 7 al 14 agosto.
«A Porto Cesareo, invece, per un appartamento in condominio, non proprio vicino al mare, e per sole tre persone, dal 16 al 29 agosto hanno chiesto 1.200 €. Ma ad un prezzo di favore e, si intende, alla mano».
Ma le stranezze osservate non si contano: vanno dall'orario di arrivo e partenza studiato in modo da far saltare un servizio, generalmente il pranzo del sabato o il mare nel giorno dell'arrivo; oppure il blocco su prenotazioni inferiori di 15 giorni; oppure l'imposizione del «tutto compreso», e poi c'è lo scoraggiamento verso i single a favore delle famiglie e se «recidivi» pagano di più.
E poi c'è la gestione selvaggia dei «supplementi». «Per una camera vista mare costa 20 € in più al giorno, o altri 9 € e 50 cent servono se si vuole il "balconcino". Non è alta la percentuale degli alberghi che utilizzano questi "espedienti", ma tra questi c'è chi chiede un supplemento per una camera con affaccio sulla piscina, come nel caso di un altro hotel del Salento, sempre versante jonico».
«A noi dell'Adoc Puglia - conclude Salamon - sembra che non ci sia più un ordine, un criterio che definisca, e in quali termini, con che qualità deve essere composto il costo di un soggiorno, di una pensione completa e degli annessi e connessi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione