Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 14:29

Il superbaffo è alla moschettiera

A Montemesola ha vinto Cosimo Battista di Taranto. La barba (con obbligatorio abito appropriato) alla Giuseppe Verdi di Leonardantonio Palmisano di Locorotondo (BA), invece, è stata eletta Super Barba 2004
MONTEMESOLA (TA) - Nella 31.a edizione del Festival dei Baffi e Barbe, Cosimo Battista di Taranto, presentatosi con un completo alla moschettiera, è stato proclamato Super Baffo, la barba (con obbligatorio abito appropriato) alla Giuseppe Verdi di Leonardantonio Palmisano di Locorotondo (BA), invece, è stata eletta Super Barba 2004.
Il vice campione del mondo, il cui ambito titolo è stato conquistato lo scorso anno a Carson City negli States, Hans Gassner è stato proclamato, inoltre, Super Stile Libero. Il tedesco, pensionato proveniente dalla Bavaria, ha destato la curiosità generale perché si è presentato al concorso con una complicata composizione a diversi piani.
L'originale concorso, tutto al maschile, si è concluso ieri sera nella cittadina ionica dopo che circa 30 concorrenti, alteri ed impettiti proprietari di baffi e barbe che curano amorevolmente per l'intero anno, erano stati selezionati da un'apposita giuria nella serata precedente.
I finalisti, nel corso della passerella per la conclusiva sfilata che significava doversi giocare tutte le proprie chance per portare a casa il trofeo di «migliore», hanno, dunque, dato sfoggio a tutte le proprie arti deduttive per strappare un punticino in più del rivale.
Quando la conduttrice dell'intera kermesse, Maria Grazia Angolano ha ufficializzato i nomi e le categorie dei tre vincitori non sono mancate, tuttavia, le contestazioni, così come normalmente avviene in ogni concorso che si rispetti.
L'edizione del 2004 a Montemesola, cittadina in cui è nato nel 1965 per la prima volta un simile curioso concorso, non è stata secondo gli esperti tra le più interessanti, in quanto il numero dei concorrenti è stato abbondantemente inferiore alle attese degli organizzatori della locale Pro Loco.
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione