Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 02:22

Foto in mostra a difesa degli olivi di Puglia

«Il Giardino degli olivi» nel Museo nazionale archeologico di Egnazia, frazione di Fasano. Fra le firme di adesioni; Sepulveda, Makeba, Grillo, Battiato, Olmi, Alex Zanottelli
FASANO (BRINDISI) - Grandi fotografi, fra i quali il napoletano Mimmo Jodice recentemente premiato dai Lincei, espongono le loro opere per difendere gli olivi secolari di Puglia. La mostra, intitolata 'Il Giardino degli olivi', sarà inaugurata il 9 agosto nel Museo nazionale archeologico di Egnazia, frazione di Fasano, e si chiuderà l'11 settembre prossimo.
Le immagini - è detto in un comunicato degli organizzatori - documentano il fascino dei nostri olivi, per i quali si attende il riconoscimento dall'Unesco quale patrimonio dell'umanità. Per questa campagna di sensibilizzazione sono state raccolte sinora oltre settemila firme e adesioni, fra cui quelle di Luis Sepulveda, Miriam Makeba, Antonio Tabucchi, Beppe Grillo, Franco Battiato, Eduardo Winspeare, Ermanno Olmi, Tonino Guerra, Alex Zanottelli, Giulio Caselli.
Quello degli olivi secolari della Puglia - prosegue la nota - è un tesoro da difendere con i denti, un patrimonio da preservare da scempi e disfacimenti per le generazioni future. L'olivo secolare costituisce, insieme con altri pochi ed essenziali elementi (muretti a secco, masserie, costruzioni rurali, strade bianche), l'elemento qualificante del nostro territorio, l'iconema del nostro paesaggio e la Puglia non può immaginare di farne a meno.
Oltre alla mostra, è previsto anche un incontro con gli amministratori pubblici e rappresentanti delle istituzioni per mettere a punto strategie di tutela e valorizzazione di questi alberi, già 'patrimonio dell' umanita» nell' immaginario collettivo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione