Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 10:04

Legambiente - Gallipoli tra le undici spiagge più belle d'Italia

La macchia mediterranea di Punta Pizzo, a sud di Gallipoli, tra le «perle» selezionate nei parchi e nelle riserve naturali del Belpaese dall'occhio attento di Legambiente per l'edizione 2004 di «La più bella sei tu», realizzata in collaborazione con il settimanale Panorama
ROMA - Dalla bianca insenatura di Cala S. Andrea all'Asinara alle infinite gradazioni di turchese dei bassi fondali dell'Isola dei Conigli nella riserva naturale di Lampedusa; dalla ligure Punta Corvo, accessibile solo da un impervio sentiero a strapiombo al riverbero del lunghissimo arenile di Berchida nel Nuorese, passando in Maremma per Cala Violina, senza dimenticare le dune selvagge di Cala di Forno, a ridosso dei monti dell'Uccellina. E poi la macchia mediterranea di Punta Pizzo, a sud di Gallipoli, i fondali rocciosi e le rare praterie di posidonia della spiaggia di Punta Licosa nel parco nazionale del Cilento, le dune ombreggiate dai pini della spiaggia della Bassona a Ravenna, la selvaggia Cala di Porto a Palmarola e l'incredibile colore delle acque di Cala Iunculla in Calabria.
Eccole le 11 spiagge più belle d'Italia, selezionate nei parchi e nelle riserve naturali dall'occhio attento di Legambiente per l'edizione 2004 di «La più bella sei tu», realizzata in collaborazione con il settimanale Panorama.
Non c'è che da scegliere, la bellezza del paesaggio e il valore naturalistico dei luoghi sono assicurati e fanno di queste spiagge le 11 «perle» del Belpaese. Già inserite nell'elenco della Guida Blu di Legambiente edita dal Touring Club Italiano, le località sono state valutate a una a una e infine scelte da una giuria di cinquanta esperti di Legambiente, tra esperti di fauna e di botanica, architetti del paesaggio e ambientalisti.
Per ogni spiaggia sono stati adottati tre criteri fondamentali di valutazione: la qualità del paesaggio ma anche quella della gestione dei luoghi e dell'impatto turistico, e le eccellenze naturalistiche. Molte di queste spiagge custodiscono ancora, infatti, ecosistemi incontaminati e da preservare.
«Proprio per questo - dichiara Sebastiano Venneri, responsabile mare di Legambiente - è d'obbligo una raccomandazione: le undici spiagge selezionate sono luoghi da maneggiare con cura, evitando quei comportamenti dannosi per l'ambiente così frequenti purtroppo sulle spiagge più affollate. Sono angoli di paradiso ancora incontaminati, perle preziose di un'Italia ricca di tesori paesaggistici sempre più rari, non a caso tutte situate in parchi o riserve naturali. Ecco dunque - conclude Venneri - che questa selezione estiva di paradisi balneari serve anche a ricordare che queste spiagge necessitano di politiche di salvaguardia che garantiscano la conservazione degli ecosistemi e una fruizione turistica sostenibile». Ma Legambiente non si è limitata quest'anno al solo viaggio lungo le coste del Belpaese. Con la sua Goletta Verde per i parchi del Mediterraneo, si è spinta oltre - in Spagna, Francia, Croazia, Albania, Grecia, Turchia, Cipro, Israele, Libia, Tunisia e Marocco - e ha selezionato 16 delle spiagge più belle delle aree protette del mare nostrum.
«Lo scopo del viaggio internazionale di Goletta Verde - prosegue Veneri - è stato quello di sottolineare l'importanza delle aree protette come esempio di integrazione tra ambiente, protetto e tutelato, ma soprattutto di esportare l'esperienza italiana di salvaguardia, contribuendo alla creazione di una federazione dei parchi del Mediterraneo». Con l'occasione, Legambiente lancia oggi la petizione «Moto d'acqua? No grazie!», indirizzata al ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Pietro Lunardi, per chiedere una regolamentazione più severa dell'utilizzo delle moto d'acqua, che rappresentano un pericolo e un disturbo per i bagnanti. Affinchè non interferiscano più con forme di fruizione del mare più compatibili e meno invadenti, si può firmare la petizione sul sito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione