Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 10:53

Bari - Il sindaco Emiliano presenta la nuova giunta

Vicesindaco sarà la sen. Marida Dentamaro, dell'Udeur. Al bilancio, tributi, sviluppo economico e politiche del lavoro Francesco Boccia, professore originario di Bisceglie, consigliere economico dell'ex ministro dell'Ulivo Enrico Letta
BARI - «Siamo qui per parlare di "Notte di stelle". Ma no, è una metafora»: scherza il nuovo sindaco di centrosinistra della città capoluogo della Puglia, Michele Emiliano, nel presentare la sua nuova giunta. Per elencare i nomi della sua squadra, il "gladiatore", come è stato definito l'ex magistrato durante la campagna elettorale, ha scelto di restare in piedi davanti al microfono tra i banchi del governo nella sala del consiglio comunale, gremita di giornalisti e telecamere. Un po' trafelato, un po' accaldato dopo l'ultimo incontro, solo pochi minuti prima, con i rappresentanti dei partiti, Emiliano spiega: «abbiamo voluto dare "in diretta" la notizia per evitare confusioni».
Quindi l'elenco: il primo nome è quello di Francesco Boccia, consigliere economico del ministro dell'Ulivo Enrico Letta. Avrà la superdelega all'economia e il suo nome - annuncia Emiliano - «è condiviso con la Margherita». Nessun problema, dunque, con il partito che in un primo momento aveva dato segnali di considerare il nome di Boccia come una scelta personale di Emiliano.
In giunta siederanno tre tecnici scelti dal sindaco (Capano, Rinella e Sannicandro) e tre assessori della Lista Emiliano (Ventrella, Maugeri e Laforgia). Per il momento, anche se tra normali paure e titubanze («ma sarò all'altezza dell'incarico?») tutti gli assessori hanno accettato la proposta del nuovo sindaco, condivisa dai partiti, naturalmente: una sola eccezione per Simonetta Lenoci (Lavori Pubblici), dello Sdi, per la quale Emiliano ha chiesto al partito «che venga messa a disposizione».
«Sono molto soddisfatto - spiega Emiliano -. Siamo andati oltre le aspettative. Si tratta di una giunta di altissimo profilo. Abbiamo ottenuto dai partiti la massima disponibilità, anche di fare sacrifici o passi indietro. È un passaggio importante, per certi versi epocale». E continua: «siamo riusciti anche ad aprire la giunta a personalità non direttamente ascrivibili a partiti». Soddisfatto anche per la presenza in giunta di donne.
Ma Emiliano vuole insistere soprattutto su un punto: «Tutti i partiti della coalizione - dice - hanno accettato di discutere nome per nome e curriculum per curriculum. Abbiamo concluso la individuazione degli assessori in due giorni e mezzo e questo dimostra che il metodo della concertazione del sindaco funziona».
A chi gli fa notare, facendo nomi e cognomi, che in qualche caso le deleghe non corrispondono a particolari esperienze, Emiliano replica: «Abbaticchio, neoassessore all'urbanistica, per cinque anni è stato presidente della commissione consiliare all'urbanistica; Nicola Laforgia, neoassessore alla cultura è una persona che conosco da 30 anni avendo vissuto con lui la città e credo che possa interpretare le esigenze di questa città dal punto di vista del fruitore. E poi - aggiunge - se c'è uno che proprio non ha una specifica competenza tecnica in quello che sta facendo è proprio il sindaco, ma ve lo assicuro: dal punto di vista tecnico si tratta di una giunta ineccepibile».
E poi, senza neanche troppo nascondere il proprio compiacimento, fa notare: «per la prima volta a Bari c'è una nuova generazione al governo della città, dal sindaco a tutti gli assessori c'è una generazione degli anni compresi tra il 1950 e il 1960». Al momento non ci sono altre nomine e per lo staff di dirigenza occorrerà aspettare, anche perché la proposta il nuovo sindaco la vuole fare in giunta.
Per la presidenza del Consiglio Emiliano, tenendo presente che comunque dovrà essere l'assemblea ad essere sovrana nella decisione, dà un suggerimento: quello di fare riferimento, perché i cittadini capiscono di più questa regola, al consigliere più suffragato della lista più suffragata e in questo caso si tratterebbe di Giuseppe De Santis (Lista Emiliano).
E prima di andare a celebrare un matrimonio il sindaco si presta velocemente ai microfoni ma sospira alla domanda: quale sarà il prossimo appuntamento? «La verità? - risponde - Andare a trovare mia moglie e i miei figli: sono nove giorni che non riesco a vederli».

ECCO L'ELENCO DEGLI ASSESSORI
• Vicesindaco, sen. Marida Dentamaro dell'Udeur.
• Al bilancio, tributi, finanza derivata, sviluppo economico e
politiche del lavoro: Francesco Boccia, professore originario di
Bisceglie, consigliere economico dell'ex ministro dell'Ulivo
Enrico Letta. Boccia - secondo quanto annunciato da Emiliano -
ha avuto l'assenso del suo partito, la Margherita.
• Politiche sociali, solidarietà, salute, famiglia: Susi
Mazzei (Ds).
• Cultura, religione, pari opportunità, comunicazione: Nicola
Laforgia (Lista Emiliano).
• Mobilità, traffico, trasporti: Antonio De Caro (Socialisti
autonomisti).
• Innovazione, risorse umane: Antonella Rinella (tecnico
indicato da Emiliano).
• Città metropolitana e decentramento amministrativo:
prof. sen. Marida Dentamaro (Udeur).
• Polizia urbana, legalità e sicurezza: Emanuele Martinelli
(Margherita).
• Ambiente, tutela del verde: prof.ssa Maria Maugeri (Lista
Emiliano).
• Urbanistica: Ludovico Abbaticchio (Ds)
• Sport: Elio Sannicandro (tecnico nominato da Emiliano).
• Lavori pubblici: Simonetta Lorusso Lenoci (Sdi), la cui
disponibilità non è stata ancora ufficializzata.
• Pubblica istruzione, Pace e accoglienza: Pasquale Martino
(Rifondazione Comunista).
• Aziende partecipate: Cinzia Capano (tecnico nominato da
Emiliano).
• Patrimonio: Gianni Giannini (Ds).
• Commercio, cooperazione, annona: Sergio Ventrella (Lista
Emiliano).
• Solo per Lenoci il sindaco ha chiesto la disponibilità;
«per tutti gli altri - ha detto Emiliano - è stata registrata
la massima disponibilità da parte dei partiti, anche quella di
fare sacrifici o passi indietro». Emiliano ha detto «di essere
molto soddisfatto».
Non è stata ancora indicata la data della prima seduta del
Consiglio comunale dopo le elezioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione