Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 17:14

A Taranto la nave scuola "Stella polare"

L'unità della Marina militare è entrata nella stazione navale di Mar Piccolo in coincidenza con un'apertura del ponte girevole. Rimarrà ormeggiata qui fino al 22 luglio • Martedì in Liguria sarà varata la nuova portaerei italiana
TARANTO - «Mi reputo fortunato. Pagherei per stare su questa nave, invece avviene esattamente il contrario». Il capitano di fregata Stefano Gilli, 45 anni, parmense di nascita ma livornese di adozione, dopo essere stato comandante in seconda della "Amerigo Vespucci" e comandante della "Palinuro", scherza e non nasconde l'orgoglio di essere alla guida da un anno della "Stella polare", nave scuola della Marina militare che questa mattina alle 5.20, in coincidenza con un'apertura del ponte girevole, ha fatto il suo ingresso nella stazione navale di Mar Piccolo. Vi resterà per cinque giorni, fino al 22 luglio, quando partirà per riprendere la campagna addestrativa iniziata il 4 luglio e che si concluderà il 26 settembre, con partenza e arrivo sempre a Livorno.
A bordo la "Stella polare" ha in tutto 17 membri d'equipaggio. Otto di loro sono aspiranti Guardiamarina al terzo anno dell'Accademia di Livorno, poi ci sono due ufficiali e sette sottufficiali. Quattro degli otto aspiranti Guardiamarina sono pugliesi. Si tratta di Luigi Baccaro e Amleto Piccinno, rispettivamente di Spongano e Maglie in provincia di Lecce, di Onofrio Iaia e Bruno Bernetti di Bari; tarantini sono invece il nostromo Michele Renna, e il sottufficiale infermiere Michele Tria.
La campagna addestrativa comprende sia la pianificazione delle navigazioni sia lo studio della meteorologia, in particolare quella marina. Per giungere a Taranto il comandante Gilli ed il suo equipaggio hanno dovuto affrontare un forte vento di tramontana, che li ha costretti a percorrere appena tre miglia in 12 ore, rischiando di far slittare l'ingresso nel canale navigabile.
La "Stella polare" (55 tonnellate di stazza, lunga 21,4 metri e larga 4,86) è un piccolo gioiello della Marina militare. Ha 40 anni di vita (commissionata nel 1964, è stata varata il 15 settembre del 1965) e fu costruita su progetto "Sparkman & Stephens" nei cantieri Sangermani Lavagna di Genova. In giro nel mondo come questa sono rimasti 140 esemplari. Il nome di "Stella polare" riprende quello della nave che giunse a sole 206 miglia dal Polo Nord con la spedizione del Duca degli Abruzzi (1899-1900).
La nave scuola è impegnata anche in attività di rappresentanza e in regate veliche. A fine agosto parteciperà alla "Copa del Rey" a Porto Mahon, in Spagna, per poi partecipare a settembre a regate a Imperia, Montecarlo e Cannes. Ma la "Stella polare" ha nel suo palmares le vittorie nella prima regata Bermuda-Travermunde nel 1968, la Palma de Mallorca-Cabrea e la seconda gamba di Plymouth-Newport nel 1970 e la Tenerife-Bermuda nel 1976, oltre ai secondi posti l'anno scorso a Barcellona ed Imperia.
Al rientro a Livorno il 26 settembre, dopo tre mesi di campagna addestrativa, la "Stella polare" si ricongiungerà alla "Vespucci" e ad un'altra nave scuola, la "Capricia". Ormeggiata alla banchina Torpediniere in Mar Piccolo, la "Stella Polare" potrà essere visitata in questi giorni anche da tarantini e turisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione