Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 22:14

Truffe ad enti pubblici e privati, arresti anche nel Leccese

Tutto sarebbe ruotato attorno alla «Progetto 80», una società con sede legale a Bologna, e logistica ad Este (Padova), che tuttavia esisteva solo cartolarmente. Avrebbe fornito a immigrati irregolari false attestazioni su permessi di soggiorno e contratti di lavoro inesistenti, permettendo così loro l'accesso ai prestiti bancari
VENEZIA - Il Gico della polizia tributaria della Guardia di Finanza del Veneto ha smantellato un'organizzazione specializzata nelle truffe ai danni di enti pubblici e privati, tra cui importanti banche nazionali, prevalentemente del nord Italia, arrestando otto persone.
La truffa finora accertata ammonta a oltre due milioni di euro.
L'operazione ha visto impegnati i militari delle fiamme gialle oltre che nel Veneto anche in Lombardia, Toscana, Emilia Romagna e Puglia. L'attività investigativa ha permesso di individuare capi, gregari e altri membri dell'organizzazione, tutti accusati di associazione per delinquere. Tutto sarebbe ruotato attorno alla «Progetto 80», una società con sede legale a Bologna, e logistica ad Este (Padova), che tuttavia esisteva solo cartolarmente. Questa, in accordo con altre società e professionisti, avrebbe fornito a immigrati irregolari false attestazioni su permessi di soggiorno e contratti di lavoro inesistenti, che permettevano così agli stranieri di avere accesso al credito al consumo e a prestiti bancari. Dal novembre 2001 la Progetto 80 è accusata quindi, con false comunicazioni sociali e falsità ideologiche in atti pubblici, di aver messo in essere una lunga serie di truffe nei confronti di banche, società finanziarie, commerciali ed enti pubblici.
Oltre alle ordinanze di custodia cautelare, chieste dal Pm di Padova Padova De Franceschi ed emesse dal Gip Cesarina Rita Bortolotti, sono state compiute dai finanzieri una decina di perquisizioni nelle province di Bologna, Milano, Bergamo, Mantova, Verona, Padova, Massa Carrara e Lecce.
Nell'operazione, che ha visto impiegati oltre 50 finanzieri, sono coinvolte società e professionisti che, a vario titolo, avrebbero contribuito a compiere le truffe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione