Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 14:06

Taranto - Truffa da mezzo milione ai danni dell'Inps

Tre le aziende coinvolte, gli imprenditori non versavano i contributi previdenziali ed assistenziali a favore del personale dipendente, inoltre trattenevano indebitamente le ritenute previdenziali ed assistenziali

TARANTO - Le truffe previdenziali nel settore agricolo e l'evasione contributiva delle aziende sono i fenomeni delinquenziali tra i più diffusi nella provincia tarantina.
E' di oggi la conclusione di una serie di indagini, condotta dai Carabinieri (Nucleo ispettorato del Lavoro) di Taranto, indirizzate nei confronti di tre aziende operanti nel settore edile. Stesse indagini che, rafforzate da diverse ispezioni nei cantieri edili della provincia, hanno reso evidente la continua evasione contributiva, all'ispezione dei carabinieri del Nil le tre aziende non sono risultate in regola con i versamenti dei contributi previdenziali ed assistenziali a favore del personale dipendente.

E' stato accertato, inoltre, che alcune di queste aziende, oltre l'evasione previdenziale, hanno trattenuto indebitamente le ritenute previdenziali ed assistenziali operate sulle retribuzioni corrisposte ai lavoratori dipendenti, omettendo di versarle all'INPS per trattenerle indebitamente nella disponibilità delle proprie attività.
Per questo i responsabili, avendo inoltre perpetrato uno specifico reato penale, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Taranto.
Il risultato odierno ha consentito di accertare che l'evasione ammonta ad oltre mezzo milione di euro, completamente recuperati attraverso le procedure amministrative previste.
Questa ultima operazione portata a termine dal Nil segue la conclusione di un'altra analoga attività investigativa, appena conclusasi, che ha condotto alla denuncia di tre imprenditori ed il recupero di circa un milione e mezzo di euro di contributi evasi.
P. L.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione