Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 22:08

Omaggio del Conservatorio di Monopoli a Nino Rota

Venerdì 25 giugno solenne manifestazione per commemorare i 25 anni della scomparsa del celebre maestro e compositore, che fu direttore del Conservatorio di Bari. L'istituto ribattezzato con il nome del musicista
MONOPOLI (Bari) - L'intitolazione al maestro Nino Rota del Conservatorio di musica di Monopoli sarà ufficializzata il prossimo 25 giugno alle 20,30 nel corso di una solenne manifestazione alla quale prenderanno parte il direttore, il Presidente del Consiglio di amministrazione, i componenti la dirigenza Amministrativa, i docenti, gli allievi, che accoglieranno autorità e cittadini, nel suggestivo Chiostro dell'Istituto.
La serata prenderà il via sulla soglia dell'istituto stesso, in piazza Sant'Antonio a Monopoli, dove verrà scoperta la targa che d'ora in poi recherà la denominazione "Conservatorio di Musica Nino Rota di Monopoli".
E ciò in omaggio al compositore che nel '71, d'intesa con l'allora senatore prof. Luigi Russo - volle che a Monopoli sorgesse una sezione staccata del Conservatorio "Piccinni" di Bari, finché, nel 2000, il Ministero ne ha sancito il definitivo riconoscimento dell'autonomia.
Il momento formale della cerimonia di intitolazione a Rota sarà seguito, nella stessa serata, da una concerto a tema, durante il quale saranno eseguite alcune composizioni dello stesso Rota, nonché alcune pagine di Giacomo Insanguine ed Orazio Fiume, due compositori che in epoche diverse ('700 e '900) hanno onorato la città di Monopoli, che diede loro i natali.
Di Insanguine sarà eseguita la Sinfonia da "L'Adriano in Siria" (prima esecuzione in epoca moderna); di Fiume "Tre pezzi per piccola orchestra", di Rota una sequenza di temi da film.
Il concerto sarà affidato all'orchestra e al coro del Conservatorio di Musica "Nino Rota" di Monopoli, diretti da Michele Cellaro. Solisti il soprano Maria Irene Lo verro ed il mezzosoprano Caterina Daniele. Maestro del coro Pieralessio Caroli.
Il concerto di intitolazione è solo il primo di una settimana di omaggi a Rota, resi in occasione del 25° anniversario della scomparsa. Nel chiostro e nel salone del Conservatorio di Monopoli si alterneranno i contributi parlati e suonati di quanti l'hanno conosciuto, da allievi e da colleghi.
Così sabato 26, alle 18.30, Franco Giannelli (già docente di Storia della musica al Conservatorio "Piccinni") racconterà di "Nino Rota e i suoi alunni"; a seguire Franco Chieco (critico musicale) traccerà il profilo "Nino Rota, un musicista imprevedibile, dal Cappello di paglia al Mysterium".

• Lunedì 28, nel Chiostro del Conservatorio (ore 20.30), Nicola Scardicchio (docente di Storia della Musica al Conservatorio "Piccinni") parlerà de "La musica da camera", introducendo il concerto al quale prenderanno parte il soprano Antonietta Cozzoli, il clarinettista Angelo Clemente, i violinisti Pasquale Melucci e Rita Paglionico, il violista Vincenzo Anselmi, i violoncellisti Marcello Forte e Giuliana Zito, il pianista Roberto DeLeonardis.

• Martedì 29, nel Salone del Conservatorio (ore 10 - 13, 16 -18) si svolgerà la Master class del contrabbassista Franco Petracchi che, giovanissimo, ricoprì, su invito di Rota, la prima cattedra di contrabbasso al "Piccinni". Collaborerà al pianoforte Giuseppina Giannascoli. Seguirà, alle 18.30, "Una vita con il Maestro", raccontata e suonata dal pianista e direttore d'orchestra Michele Marvulli.

• Mercoledì 30, nel Salone del Conservatorio (ore 18.30) il fagottista e direttore d'orchestra Nino Losavio racconterà la genesi del "Concerto per fagotto e orchestra"; Petracchi quella del "Divertimento concertante". Seguiranno i preziosi ascolti dal vivo: fagotto Nino Losavio, contrabbasso Franco Petracchi, pianoforte Michele Marvulli e dell' Insieme strumentale del Conservatorio "Nino Rota" di Monopoli.

• Giovedì 1° luglio, nel Salone del Conservatorio (ore 18.30), padre Anselmo Susca (o.s.b.) parlerà di "Nino Rota e la musica sacra"; Pierfranco Moliterni (docente di Storia della Musica all'Università di Bari) de "La musica per il grande schermo".

• Venerdì 2 luglio 2004, nel Chiostro del Conservatorio (ore 20.30) una conversazione di Nicola Sbisà (critico musicale) su "La musica dedicata". Introduce il concerto cameristico di chiusura col clarinettista Giovanni Mastromarino, il violinista Francesco D'Orazio, il violista Alessandro Tampieri, il contrabbassista Leonardo Presicci, i pianisti Luca Palladino e Giuseppina Giannascoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione