Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 10:53

Truffa Ue, arrestati 2 imprenditori nel Salento

Avevano ottenuto finanziamenti per l'acquisto di macchinari ma li avevani rivenduti prima del termine fissato dalla normativa
PORTO CESAREO (LECCE)- Avevano ottenuto un finanziamento di oltre 341mila euro sulla base della legge 488/92 per l'acquisto di macchinari utili alla loro attività imprenditoriale, ma li avevano poi rivenduti prima del termine fissato dalla normativa: per questo motivo due imprenditori di Porto Cesareo sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza.
L'inchiesta riguarda la società cooperativa a responsabilità limitata 'Isa Confezioni', che è stata poi portata in fallimento dai due rappresentanti legali. I militari del nucleo provinciale di Lecce della Polizia tributaria hanno accertato che Isa Confezioni aveva alienato i 68 macchinari acquisiti con i finanziamenti della 488 addirittura prima che venisse elargita la terza tranche del finanziamento. Per portare a termine l'affare la società era stata condotta al fallimento.
Da quanto è emerso nel corso delle indagini, inoltre, con lo scopo di sottrarre alla procedura fallimentare i macchinari acquistati con il finanziamento, i due imprenditori avevano tenuta nascosta la documentazione amministrativo-contabile della società fallita non consegnandola alla curatela fallimentare, rendendo in questo modo difficile l'individuazione e la quantificazione del patrimonio dell'azienda.
I due imprenditori sono accusati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e di bancarotta fraudolenta. Nei loro confronti il gip di Lecce Vincenzo Scardia ha emesso ordinanza di custodia cautelare su richiesta del sostituto procuratore Imerio Tramis.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione