Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 18:53

Trepuzzi - Una scuola in ricordo di Nassiriya

Una lapide in ricordo di Alessandro Carrisi, il giovane salentino vittima in Iraq, verrà scoperta domenica nella sua città di nascita. L'istituto porterà il suo nome perché «il suo sacrificio sia guida delle nuove generazioni»
TREPUZZI (Lecce) - Domenica 20 giugno alle 19 la cittadina salentina si unirà per non dimenticare la strage in Iraq del 12 novembre e le sue vittime.
«Alessandro Carrisi» sarà intitolata la scuola in via Lecce, in onore del giovane salentino vittima dell'attacco kamikaze a Nassiriya.
Quel giorno di novembre la guerra entrò nelle case italiane alla notizia dell'esplosione, in una città a sud dell'Iraq, di un'autobomba contro la palazzina in cui risiedeva il contingente italiano: 18 i morti tra militari dell'esercito e carabinieri.
In ricordo del valore di una delle vittime,il caporal maggiore Alessandro Carrisi, sarà scoperta una lapide nella scuola che è stata frequentata dal giovane e che avrà il suo nome dopo l'eccidio in Iraq.
La lapide, in marmo bianco di Carrara dalle dimensioni 70 per 100 centimetri,sarà posta accanto all'ingresso principale dell'istituto, e sulla stessa saranno incise le parole di monito: «Al caporal maggiore Alessandro Carrisi, già alunno di questa Scuola, caduto a Nassirya (Iraq) il 12 novembre 2003. Il suo sacrificio sia guida alle nuove generazioni per la costruzione di un futuro di libertà, di pace e di operosa concordia. Trepuzzi, 20 giugno 2004».
«Crediamo di interpretare il desiderio di tutta la cittadinanza di Trepuzzi - ha dichiarato il sindaco, Cosimo Valzano - ed in generale di tutto il comprensorio dei Comuni del nord Salento e della Provincia di Lecce, nel dedicare al nostro conterraneo, tragicamente scomparso in Iraq, la scuola che da ragazzo aveva frequentato».
La cerimonia è organizzata in collaborazione con l'unione dei Comuni del nord Salento e le Forze armate e prevede la partecipazione di numerose autorità civili, militari e religiose, di tutti gli insegnanti e gli alunni della scuola e della cittadinanza che dopo il tragico evento si è stretta intorno alla famiglia Carrisi.
La decisione di rendere ancora omaggio alla memoria del giovane militare di Trepuzzi ha trovato grande accoglienza presso le autorità militari ed il comando della Scuola di Cavalleria di Lecce, che sarà presente con alcuni ufficiali e con il comandante, maggiore generale Vladimiro Alexitch.
All'alzabandiera e dopo lo scoprimento della lapide in onore della giovane vittima, ricorderanno tutti gli altri caduti in Iraq i commilitoni del 6° reggimento trasporti di Budrio comandati dal col. Maurizio Tarquini, che era a Nassirya.




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione